Published On: Lun, Gen 21st, 2013

Lettera dei lavoratori della eXact learning solutions a Lattanzio group

Lettera aperta alla direzione e alla proprietà di eXact learning solutions S.p.A.

Dott. Torda, Ing. Lattanzio,
queste parole sono rivolte a voi, ma vi preghiamo di diffonderle a tutte le persone che hanno avuto un ruolo in questa vicenda. Si tratta di parole che prescindono dalla trattativa in atto, qualsiasi ne sia l’esito. Sono parole che rappresentano tutti noi e che – questo è l’auspicio – vi aiuteranno a capire una volta per tutte che cos’è quest’Azienda.
Voi, nel nostro precedente incontro, avete affidato alla R.S.U. un messaggio per tutti i dipendenti di eXact learning solutions. Pur nel rispetto delle differenti prerogative, avete chiesto di rivolgere ai lavoratori un appello al proprio senso di responsabilità, soprattutto nei confronti dei clienti.
exact learning solutionsCome potete ben comprendere, è difficile sentirsi responsabili nei confronti di un’Azienda che sta per licenziarti. La responsabilità è un valore che ha bisogno di futuro per esprimersi al meglio e qui di futuro, per la maggior parte di noi, non ce ne è. In ogni caso, la R.S.U. ha mantenuto la parola e tutti i Lavoratori hanno continuato a svolgere responsabilmente il proprio dovere, nonostante tutto.
Nel frattempo, però, sono successe alcune cose, che desideriamo elencare, non perché pensiamo che vi siano sfuggite, ma probabilmente perché non siete stati in grado di valutarne fino in fondo le conseguenze (o forse le avete valutate fin troppo bene).
La prima cosa, a nostro avviso la più grave, è stato il provvedimento disciplinare che ha colpito un nostro collega. È vero, il provvedimento è stato ritirato, ma questo ha cancellato solo in parte l’effetto che ha avuto su tutti noi. Non entriamo nel merito del provvedimento, per questo c’è già stato un comunicato inequivocabile, e non entriamo nemmeno nel merito delle qualità umane e professionali del collega oggetto del provvedimento, per questo basterebbe chiedere a uno qualsiasi dei lavoratori di eXact learning solutions.
Ciononostante, una cosa vorremmo che fosse chiara. Non ci si comporta così! Almeno non ci si comporta così, se l’obiettivo, come voi avete più volte ripetuto, non è far la guerra ai lavoratori di eXact learning solutions come fossero dei nemici da colpire, ma solo salvare un’azienda in difficoltà.
Poi c’è stato il licenziamento di un dirigente della società. Anche qui non vogliamo entrare nel merito, né del licenziamento né delle qualità umane e professionali della persona. Però, una cosa è innegabile, è la persona che ha creato quest’azienda. Senza di lui, eXact learning solutions non sarebbe mai esistita e, soprattutto, non sarebbe mai diventata una realtà di livello internazionale. E allora, nella percezione di tutti noi, questo licenziamento non può che essere stato vissuto come il tentativo di negare la storia della nostra azienda, di cancellarla, che è esattamente quello che si fa quando un nemico lo si vuole non solo vincere, ma anche annientare.
Infine, c’è stata la revoca delle indennità di alcuni colleghi. Che dire? Non crediamo alla favola che siano venuti meno i presupposti. Non è per questo che sono state revocate e voi lo sapete meglio di noi. Quello che forse non sapete è che per alcuni di noi, questo ha significato il dimezzamento dello stipendio. Come pensate che possa sentirsi un lavoratore che fino a ieri, per mantenere la propria famiglia, poteva contare su un certo stipendio ed improvvisamente se lo trova dimezzato? Come pensate che possano sentirsi i colleghi di quel lavoratore? Che cosa potete dire per rassicurarli che domani una cosa del genere non capiterà anche a loro? Ve lo diciamo noi, niente.
Tutti questi fatti, insieme alla continua trasfusione – non abbiamo usato a caso questo termine – di conoscenze e responsabilità dai dipendenti di eXact learning solutions a consulenti esterni, alla mancanza di rispetto nei confronti dei collaboratori a progetto della sede fiorentina (che peraltro non esiste più), il cui contratto è scaduto alla fine del 2012 senza che nessuno abbia avuto la decenza di dire qualcosa, anche solo “un grazie per il lavoro che avete fatto”, tutti questi fatti hanno determinato in tutti i lavoratori di eXact learning solutions un profondo senso di frustrazione e rabbia.
Per questo, da ora in avanti, non chiedete più alla R.S.U. di rivolgere un appello alla responsabilità dei lavoratori. Non possono e non vogliono inoltrarci tale messaggio.
Se ritenete opportuno rivolgervi ai lavoratori di eXact learning solutions, fate voi una comunicazione e tentate di convincerci che le nostre peggiori previsioni sono false.
I Lavoratori di eXact learning solutions

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>