Published On: Ven, Lug 3rd, 2020

Lettera di protesta: a Rapallo non ci sono più spiagge libere

Riceviamo e pubblichiamo:

Vi segnalo una grave e illegale decisione del Sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco.
Per ordinanze varie tutte le spiagge libere sono chiuse.
Faccio notare che ciò è avvenuto per problematiche territoriali mai risolte, e che l’emergenza covid non c’entra. L’ultima rimasta era di pochi metri quadrati, che noi chiamiamo Spiaggia delle Nagge.
Ed il Sindaco che fa?
Ha riservato codesta spiaggia ogni mattina ai centri estivi!
Discriminando così tutti gli altri bambini.
A Rapallo di fatto al mattino non c’è neppure un centimetro di spiaggia libera!
Una mamma si deve fare chilometri per arrivare alla spiaggia libera più vicina molto lontana dal centro cittadino, oppure prendere il bus e pagarlo ovviamente. Salvo che i bus sono pochissimi ed ancora contingentati per emergenza covid.
Carlo Bagnasco, sindaco di Rapallo, discrimina i bambini! Se non vai al centro estivo al mattino per tutta l’estate, te ne stai a casa se tua mamma non può permettersi i bagni privati.
Oltretutto per la sicurezza dei bambini del centro estivo faccio notare che la spiaggia è pure sprovvista di bagnino, il che non sembra lecito!

Aiutateci a fare luce su questo grave discrimine. Grazie per la gentile attenzione
Daniela Aghedu
Una cittadina di Rapallo

Festa delle Palme, spiaggia delle Nagge, Rapallo
Festa delle Palme – Nagge – Rapallo