Published On: Gio, Mag 11th, 2017

L’ISEE è ingiusto e sbagliato: meglio il Fattore Famiglia. Se ne parla a Chiavari

Il Comune di Chiavari, in collaborazione con il Forum delle Associazioni Familiari del Tigullio, nell’ambito del protocollo d’intesa sottoscritto all’inizio di quest’anno tra i due enti, ha organizzato l’evento di presentazione del c.d. “Fattore Famiglia”, quale innovativo parametro per la determinazione delle tariffe e dei tributi comunali “a misura di famiglia” e a costo zero per il Comune.

Tale incontro, rivolto a tutti i cittadini ed, in particolare, a tutti gli amministratori, funzionari comunali ed operatori dei servizi del Territorio, si svolgerà in data 13 maggio 2017 dalle ore 9.00 alle ore 11.00 presso l’Auditorium della Filarmonica di Chiavari in Largo Pessagno 1.

Interverrà l’Ing. Maurizio Bernardi, che, nato a Sona (VR) nel 1955, ha guidato il Comune di Castelnuovo del Garda dal 2004 al 2014 e, forte della sua esperienza professionale nei sistemi di qualità, unitamente ad una spiccata sensibilità e formazione per la famiglia, ha reso famoso Castelnuovo del Garda a livello nazionale per le politiche familiari adottate ottenendo anche importanti riconoscimenti. Ciò grazie soprattutto ad un progetto elaborato nel 2007: il PIPolFam (Piano Integrato delle Politiche Familiari), aggiornato poi negli anni successivi, che in particolare, ha introdotto il meccanismo del così detto Fattore Famiglia.

Il Fattore Famiglia, sperimentato in molteplici Comuni della Regione Lombardia quali Castelnuovo del Garda, nonché Liguri, quali il Comune di Vallecrosia, sviluppato insieme al Dipartimento di Economia dell’Università di Verona, si pone l’obiettivo di superare alcune manchevolezze dello strumento ISEE ad oggi richiesto per l’accesso ai servizi e le prestazioni dei Comuni.

Il Fattore Famiglia, grazie all’effetto di uno schema di scale di equivalenza che tiene conto di differenze nella composizione delle famiglie e delle diverse condizioni di vita in modo più dettagliato rispetto alle attuali modalità di conteggio dell’ISEE, sembra essere molto più efficace nel leggere le diverse situazioni familiari e, quindi, nel minimizzare la probabilità di assegnare un’agevolazione a famiglie che non sono eleggibili o di non assegnarla alle famiglie che lo sarebbero.

Così il Sindaco, Ing. Roberto Levaggi e l’Assessore ai Servizi Sociali, Avv. Nicola Orecchia, “L’Amministrazione Comunale di Chiavari ha posto la famiglia al centro della sua azione amministrativa per fare di Chiavari una città sempre più a misura di famiglia. Per questo il Comune di Chiavari, soprattutto in questi ultimi anni, ha curato con attenzione le politiche famigliari, intraprendendo azioni concrete a sostegno della genitorialità, dei minori e delle loro famiglie, attraverso non solo misure economiche ed attività sociali, ma anche nuove progettualità. Abbiamo, quindi, aderito alla proposta del Forum dell’Associazioni Familiari del Tigullio di affrontare il tema legato al c.d. Fattore famiglia ed alle modalità anche tecniche attraverso e le quali possa essere attuato sul nostro territorio, perché crediamo che possa rappresentare un valido strumento con il quale portare avanti in futuro le politiche famigliari del Comune di Chiavari. Ringraziamo il Forum delle Associazioni Familiari del Tigullio per la collaborazione che stiamo portando avanti insieme nell’ambito del protocollo d’intesa di recente sottoscrizione e l’Ing. Maurizio Bernardi per la disponibilità dimostrata per approfondire la conoscenza sul progetto PIPolFam (Piano Integrato delle Politiche Familiari) ed, in particolare, sul c.d. Fattore Famiglia”.

Si ricorda che è stato sottoscritto tra il Comune di Chiavari ed il Forum delle Associazioni Familiari del Tigullio un protocollo di intesa, finalizzato a formalizzare la collaborazione in essere, realizzando un “Tavolo di confronto“, quale strumento di partecipazione attivo anche nella progettazione e realizzazione di azioni in favore della famiglia e nella programmazione territoriale dei servizi sociali integrati della Città di Chiavari con il terzo settore.