Published On: Mar, Mar 14th, 2017

M5S Chiavari sulle aree di Preli

Di seguito un Comunicato stampa di M5S Chiavari in merito alle aree di Preli, la zona di Chiavari in cui si trovano il depuratore, spiagge, case di riposo, l’edificio della ex colonia Fara a buon punto di ricostruzione. Aree in cui saranno ultimati alcuni edifici (con il rifacimento di un tratto di passeggiata a mare. Importante non fermarsi alla parte urbanistica, ma ripensare alla bellezza di quella zona, verso il Gruppo del sale e oltre.

“Siamo in procinto di nominare il nuovo sindaco di Chiavari. Auspichiamo sia finalmente una persona che abbia voglia e cuore per svolgere questo ruolo: dovrebbe essere proprio un sindaco presente, ma non solo sui manifesti. Manca da lustri ormai, aldilà dei momenti della campagna elettorale, quando tutti fantasticano un indefesso amore per la città. In nome di questa parola magica molte persone si sono ricollocate a piede sospinto nelle discussioni, dopo una globale complessiva assenza e un discreto disinteresse. Preli penso possa essere spunto per ragionamenti che dovrebbero fare riflettere.

Su Agostino si è già detto tutto: proprio per Preli è stato condannato in via definitiva. Una vicenda desolante ed allo stesso tempo agghiacciante per l’interesse che ha cercato di ricavare nelle vesti di amministratore. Sicuramente il progetto attuale porta la sua matrice e se Preli si eleva nel cielo si deve in particolare a lui.

Levaggi in campagna elettorale disse che la zona doveva essere assolutamente rinnovata a fini turistici, poi avviò i lavori dicendo che Preli sarebbe divenuto un volano turistico per tutto il litorale, con strutture efficienti e una nuova passeggiata a mare. A trarne beneficio, ne sono sicuro, sarà soprattutto la nostra città. Prima però su il quotidiano “la Repubblica” del 07 Luglio 2013 sostenne che sicuramente la zona non sarebbe stata soggetta a colate di cemento. Come non detto. Adesso il triste epilogo, con i cittadini che davanti ai sei piani si accalcano in Piazza dei Pescatori quasi sgomenti: sarebbe quasi divertente scorgerne il giudizio, se non si parlasse di Chiavari.

Ma noi cosa abbiamo fatto? Ricostruiamo i passaggi principali.

Ricordiamo preliminarmente che quello era il periodo nel quale gli esponenti del nostro gruppo riprendevano i Consigli Comunali, cosa che facemmo anche durante quello del dicembre 2013 nel quale un nostro attivista venne allontanato (al contrario di tante altre volte in cui venne di fatto semplicemente fatta interrompere la ripresa). La volta dell’allontanamento fu lo stesso sindaco a scusarsi per l’accaduto nel corridoio della sala. Questa tensione e le continue nostre richieste portarono poi l’amministrazione a votare ed avvallare ufficialmente le riprese del Consiglio.

Dopo la Delibera n. 115 del 10/10/13 con la quale venne approvata la variante allo S.U.A. C.4.3. BIS e dato l’impulso per avviare la Conferenza dei Servizi per l’approvazione del progetto, il Meetup 5 Stelle Chiavari ha inviato una nota a Ministero,  Regione, Provincia,  Comune di Chiavari,  Capitaneria e Procura della Repubblica,  con firma congiunta di Alberto  Zolezzi (deputato M5S e membro della Commissione ambiente, territorio e lavori  pubblici), per esporre e denunciare tale progetto.

Il 18 ottobre e il 19 dicembre 2013 nelle osservazioni richiedemmo: 1) che venissero ridotte le volumetrie a destinazione residenziale autorizzando solo la ristrutturazione dei volumi oggi esistenti e realizzando nuove aree verdi di rispetto verso la parte prospicente il mare; 2) che venisse realizzata la nuova passeggiata mare all’interno dell’attuale proprietà privata senza andare ad occupare tratti di spiaggia sottraendola alla balneazione.

Il 04 gennaio 2014 abbiamo dato vigore al comitato “Salviamo la spiaggia più bella”, mettendo a disposizione i nostri attivisti perché il progetto – oltre ad essere scellerato ed indecente – inizialmente voleva anche rovinare in modo definitivo la spiaggia. Furono raccolte circa 2000 firme. Per raggiungere questa finalità si era fornito un preciso resoconto di tutta la progettazione anche alla Camera dei Deputati, ed in particolare – appunto – ad Alberto Zolezzi, membro della Commissione parlamentare Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici, il quale in prima battuta scrisse a tutti gli Enti preposti a presenziare alla Conferenza dei Servizi referente chiedendo il massimo dell’attenzione nell’esame del progetto, e successivamente presenziò in modo graditissimo al nostro banchetto e appose la sua stessa firma alla raccolta.

Nel comunicato del 06 Gennaio 2014 sulla variante allo S.U.A. ci chiedevamo se il  sindaco fosse stato in vacanza, dato il suo continuo negare l’evidenza. Non c’era il 30 settembre 2013 quando la stessa Commissione Edilizia del Comune aveva fornito la prima stroncatura al progetto rilevando come la passeggiata a mare andasse arretrata in modo che rimanesse iscritta nell’area privata e lasciasse così inalterata la spiaggia. Lo abbiamo visto e sentito in aula difendere il progetto così come poi è stato depositato agli atti: come si evinceva dai disegni ha difeso, cioè, la realizzazione di sproporzionate cubature proprio in riva al mare e la costruzione di 66 appartamenti per una superficie complessiva di mq. 5463.  Nulla ha avuto allora da dire sulle forme edilizie dei palazzi che gli saranno sembrate evidentemente in perfetto stile ligure. Ma più grave ancora, non si era evidentemente accorto in quel frangente dei 445 mq di area demaniale “rubata e consumata”, soprattutto con il discutibilissimo passaggio sospeso su pilotis a occupare la spiaggia. Sui social come suo solito trovò il tempo di scrivere che “vengono dette cose false da chi raccoglie firme“ e di asserire che “il progetto può piacere o no ma non porta via un solo metro quadrato di spiaggia”.  Fino a quando lo stesso Levaggi dichiarò, dopo una riunione in Regione, che la passeggiata sarebbe stata ricondotta nella proprietà privata entro il filo del muro antisbarco.

Quindi la battaglia è stata parzialmente vinta. Sui volumi non si è riusciti ad intervenire nonostante le nostre visite e richieste di intervento agli Enti preposti – quegli stessi Enti che mettono tanta passione per le finestrelle nelle zone montane, ma questo lo racconteremo nelle prossime puntate.

In conclusione Enti ed Amministrazione Comunale hanno permesso di far erigere un mostro che ha visto concessi (e garantiti) quei volumi grazie alle stesse iniziative che poi la magistratura ha scardinato con le indagini. Al mostro è stato comunque permesso di fuoriuscire dalle acque, con buona pace della cittadinanza. E della costa.
Me5s Chiavari. A.S, Roberto Traversi 

Progetto per aree Preli