Published On: Mer, Mag 14th, 2014

M5S Sestri Levante contrario alla proposta Ascom sulle acque di balneazione

Un Comunicato di M5S Sestri Levante dichiara la sua contrarietà a una proposta che è stata portata avanti anche a Rapallo dall’Ascom, così come dall’Ascom di Sestri Levante. M5S ribadisce la necessità di separare gli scarichi delle acque nere da quelli delle acque bianche. Ciò al di là del vecchio o nuovo depuratore comprensoriale. Pur appoggiando le richieste di altri gruppi di opposizione sul depuratore attuale e quello di Lavagna (progetto da formalizzare), M5S chiede un controllo continuo degli scarichi abusivi nei fiumi, torrenti e canali. Accuse all’Ascom, ritenuta subalterna alle richieste di balneari.
Ecco il testo integrale trasmesso da M5S:

Nel nostro intervento sulla mozione del consigliere Marco Conti avente oggetto “uscita del Comune di Sestri dal protocollo d’intesa per la costruzione del depuratore comprensoriale” discussa durante lo scorso Consiglio Comunale, abbiamo ribadito che la sola costruzione di un nuovo depuratore non bastera’ per garantire il non inquinamento delle acque marine di Sestri Levante e che sara’ necessario e obbligatorio un controllo capillare lungo il percorso dei nostri rii e fiumi per verificare la presenza di eventuali scarichi abusivi, nonchè per ultimo la riprogettazione della rete fognaria cittadina attualmente mista acque bianche/acque nere.

Ora interviene “l’Ascom”, che per interesse di tutela nei confronti dei commercianti indica la strategia da adottare ai Sindaci dei Comuni costieri del Tigullio. Ci dispiace, ma se le richieste sono solo queste, ovvero di non fare effettuare i prelievi da Arpal nelle 24 ore successive ad un eventuale rovescio temporalesco, non vi appoggeremo ma anzi, rincareremo la dose. E’ l’ora che, soprattutto nel nostro Comune, venga avviato un controllo “capillare” su tutto il nostro territorio degli scarichi abusivi che sversano nei nostri rii e fiumi e sottolineiamo che l’inquinamento dei nostri corsi fluviali e del nostro mare avviene tutto l’anno e pertanto l’acqua di quest’ultimi deve risultare pulita tutto l’anno e non solo nella stagione estiva. Sarebbe stato un bene che l’Ascom non si fosse svegliata solo ora, a inizio stagione, esclusivamente per tutelare l’interesse delle attivita’ balneari, ma viceversa che fosse intervenuta gia’ da tempo e con una diversa analisi e soluzione del problema (analisi per ora limitata all’interesse commerciale), perche’ ciò che realmente deve essere tutelato (anche per una associazione quale l’Ascom) è il nostro ambiente, e per ultimo gli interessi che da questo derivano.

gromolo, foce3

Sporcizia alla foce del torrente Gromolo

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>