Published On: Mer, Ago 24th, 2016

Marciapiede sulla Pagana, Capurro torna all’attacco

I tanto attesi lavori per la realizzazione del marciapiede sulla via Pagana sono inaugurati ma non ancora avviati, e già (c’era da aspettarselo) riparte la coda di polemiche.

A farsi avanti il consigliere di opposizione a Rapallo Armando Ezio Capurro, il quale, forte della propria esperienza in qualità di ex sindaco e consigliere regionale, conosce bene la Storia del progetto. Tornando su un tema già affrontato lo scorso maggio, ovvero l’abbattimento e ricostruzione di Villa Costanza, Capurro dà diffusione della seguente lettera indirizzata oltre che al Comune di Rapallo anche a Ministero per i Beni Culturali, Regione, Prefettura e Carabinieri in data 21 giugno 2015:

Oggetto: allargamento stradale di via Pagana

In riferimento ai provvedimenti del comune di Rapallo con cui si autorizza la demolizione di Villa Costanza (signor Giordano) e ricostruzione con ampliamento ai sensi LR 49/2009, al fine di ottenere una piccola fascia di terreno per costruire un marciapiede

visto

che, ai sensi della LR 49/2009 che si riferisce a “manufatti incongrui”, tale intervento non sarebbe, a mio avviso, assentibile, in quanto, nel caso in oggetto, parrebbe trattarsi di un edificio in buono stato di conservazione e senza “instabilità strutturali” né, tantomeno, con “caratteristiche edilizie totalmente estranee all’area

viste

le osservazioni presentate dai Verdi-Area Tigullio, Partito Democratico, Italia Nostra, tutte nel marzo 2015

segnalo

che, a mio avviso, trattasi altresì di una procedura non necessaria, visto che, come da mail dell’11 agosto 2006, qui allegata, l’architetto Bellodi, allora dirigente della ripartizione III del comune di Rapallo, mi riferiva che il dot.t Giordano sarebbe stato disponibile alla cessione bonaria del terreno con un allargamento [del tratto stradale] di metri 2, quindi senza alcuna demolizione, spostamento e ricostruzione con aumento volumetrico

chiedo

di verificare la legittimità dei provvedimenti del comune di Rapallo e, eventualmente, sentire l’architetto Bellodi.

A tale segnalazione il consiglier Capurro allegava la lettera in questione, ricevuta dall’arch. Bellodi al tempo del suo mandato come primo cittadino di Rapallo (clicca sull’immagine per ingrandire):

allargamento Pagana 11 agosto 2006 [580063]

Armando Ezio Capurro

Armando Ezio Capurro

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>