Published On: mar, Ott 30th, 2018

Mareggiata: danni gravi a Rapallo, Santa e Portofino. Interverrà il Genio civile

Si aggrava il bilancio dei danni nel Tigullio occidentale: Portofino è isolata e rischia di esserlo per mesi, se non interverranno la Regione e il Genio Civile, che secondo Regione Liguria, potrebbe in breve ripristinare la strada per Portofino e sistemare altri danni.

La strada tra Santa Margherita e Portofino è interrotta sia al Regina Elena che a Paraggi, dove la strada è precipitata in mare.
Distrutti locali come il Covo di Nord Est.

Ma ciò che preoccupa di più sono i danni alle dighe foranee di Rapallo e Santa Margherita, e anche il crollo della scogliera di protezione della baia di Portobello a Sestri levante.
Questo perché praticamente non ci sono difese dal mare per quei porti, e quindi ci saranno problemi per mesi, a ogni mareggiata. Ripristinare una diga fornaea in inverno non è facile, perché serve l’intervento di chiatte, una progettazione -e la burocrazia, si sa, in Italia è omicida-.

Nella zona sono arrivati il Presidente della Regione Giovanni Toti con l’assessore Giampedrone.

Solo a Rapallo sono circa 100 le imbarcazioni affondate o distrutte dalla forza di una tempesta perfetta, accompagnata da venti molto forti e da trombe marine. Dopo lo sventramento della diga foranea, il mare ha colpito duramente tutta la passeggiata, dove sono arrivate barche e detriti: muretti abbattuti, ringhiere distrutte, locali alluvionati.

Situazione simile ma meno grave anche a Santa Margherita. Abbiamo riferito di Zoagli, dove è stata spezzata in più parti la magnifica passeggiata scavata nella roccia a picco sul mare.