Published On: Lun, Ago 22nd, 2016

Martino Tassano mostra oggi a IdroTigullio alcuni scarichi illegali nel rio Ravino

Il consigliere comunale Cinque Stelle Martino Tassano approva la pulizia degli alvei, effettuata in questo periodo dall’Amministrazione comunale, ma continua a sottolineare l’importanza del controllo sugli scarichi fognari abusivi, che vengono immessi nelle “acque bianche” degli scarichi pluviali e dei ruscelli interrati.

Sarebbe questa una delle cause dei cattivi odori che soprattutto d’estate avviliscono il centro storico di Sestri Levante.
Questa mattina Tassano porterà i tecnici di IdroTigullio a verificare alcuni scarichi abusivi che scaricano nel rio Ravino, il rio che attraversa il centro storico di Sestri dopo un breve percorso (circa due km. dalla sorgente posta alle spalle della Mandrella e ai piedi di monte Castello).

Dovrebbe essere Idrotigullio a effettuare queste verifiche e a segnalarle ad amministratori e consiglieri? Ah, saperlo!

Scrive tra l’altro Tassano, parlando di inquinamento:
“Questi problemi sono principalmente dovuti alla presenza di scarichi abusivi di acque nere, evidentemente illegali, e alla rete fognaria vetusta. …E’ risaputo da un decennio dell’inquinamento nel Rio Ravino, con forti odori fognari persistenti che risalgono dai tombini delle acque bianche pressapoco all’incrocio di Corso Colombo con Via XXV Aprile e Viale Dante, problema tamponato in parte da Idrotigullio con l’installazione di una pompa di sollevamento sotto piazza Bo, pompa che immette le acque del Rio nella condotta fognaria principale. Il problema è dovuto alla rete fognaria vetusta di Corso Colombo e di parte dei caseggiati di Viale Dante bassa nonché agli scarichi abusivi presenti lungo il percorso tombinato del Rio Ravino che inizia da Via della Chiusa terminando presso l’hotel Nettuno. Abbiamo parlato di un tamponamento del problema che solo in parte previene lo sversamento dei liquami a mare ma non [non risolve il problema]. Serve il rifacimento ex novo delle condotte fognarie delle vie sopracitate e il controllo a tappeto di tutti i palazzi limitrofi al percorso del Rio in oggetto. Riteniamo importante mostrare all’intera cittadinanza e agli Enti preposti lo stato dell’inquinamento in atto nel Rio Ravino che, nel suo alveo, risulta essere invaso letteralmente dai liquami. Ribadiamo per l’ennesima volta che è necessario un depuratore comprensoriale di bacino per i paesi delle valli Gromolo e Petronio ma che è altrettanto necessario un intervento sulle tratte fognarie che percorrono il comprensorio di Sestri Levante, così come d’un controllo a tappeto su tutti gli scarichi di acque bianche e acque nere presenti nei corsi fluviali maggiori e minori che percorrono quest’ultimo. Un depuratore comprensoriale con l’attuale rete fognaria preesistente datata e vetusta e con scarichi abusivi ogni dove, non garantirà la tutela delle acque del nostro mare che, per noi del Movimento 5 Stelle così come per tanti nostri concittadini, deve risultare pulito tutto l’anno e non solo durante i periodi estivi”.

Nelle foto inviate dal consigliere M5S, si vedono evidenti tracce di carta igienica e deiezioni.
loc ravino 2loc ravino fogna

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>