Published On: Sab, Apr 6th, 2013

Massimo Sivori: la sicurezza tema prioritario

La sicurezza di Sestri Levante e dei suoi cittadini, dal mio punto di vista, è un tema fondamentale e prioritario: molte zone della città sono poco illuminate e scarsamente controllate; i cittadini convivono con un senso generale di insicurezza e non si sentono abbastanza tutelati. Negli ultimi anni, non è un segreto, abbiamo assistito ad un aumento di furti nelle case  e nei locali commerciali, soprattutto nelle zone periferiche e nelle frazioni. Più controlli, più telecamere, più presidio del territorio da parte delle forze dell’ordine sono le priorità che intendo perseguire in caso di mia elezione a sindaco di Sestri.  M’impegnerò per adottare provvedimenti che siano realmente efficaci e per garantire, di concerto con tutte le Forze dell’Ordine, un controllo più incisivo e capillare, oltre ad un pattugliamento costante e completo del territorio comunale. So che parte di queste richieste sono già  state avanzate, negli anni passati, da parte di alcuni esponenti dell’opposizione, rimaste però lettera morta a causa dell’immobilismo dell’amministrazione allora, ed attualmente, in carica.

Di seguito, i punti tratti dal mio Programma per Sestri Levante sul tema della sicurezza.

Piano “Città Sicura”,  con il rafforzamento dei controlli sul territorio anche da parte della Polizia Municipale, che deve diventare una realtà al servizio della sicurezza del cittadino, dismettendo i panni della “fabbrica di multe”.

  • Massima collaborazione con gli organi di polizia al fine di coordinare un continuo e completo controllo del territorio.
  • Inserimento graduale di un sistema di videosorveglianza con l’installazione di apposite telecamere, specialmente nelle frazioni e nelle zone particolarmente buie e critiche, volto alla disincentivazione dei furti.
  • Controllo sistematico dei cimiteri. 
  • Riorganizzazione del personale comunale ed ottimizzazione del lavoro amministrativo, al fine di sollevare la Polizia Municipale dalle incombenze burocratiche per concentrarsi sul monitoraggio e sul controllo del territorio in modo più efficace.
  • Mantenimento del Comando dei Carabinieri a Sestri Levante, evitando l’accorpamento al Comando di Chiavari, che comporterebbe una pesante e inopportuna riduzione degli effettivi in servizio nel nostro comune, con gravi conseguenze sul piano dell’occupazione e dell’ordine pubblico.
  • Nel caso di particolari manifestazioni verrà imposto agli organizzatori di adottare misure di prevenzione per non gravare sui costi pubblici.
  • Sostegno a progetti educativi con le scuole, le associazioni e le parrocchie sul rispetto delle regole e della convivenza civile.

    Massimo Sivori

    Massimo Sivori

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. La stessa domanda perchè non la fa agli altri candidati? O forse lei propende per coloro che non fanno caso ai tagli di spesa o al patto di stabilità? Come si fa a dire
    “La Sestri che vogliamo” se alla fin fine poi non è voluta da tutti? Infatti,si parla,fra le altre cose di Palazzetto dello Sport che non costerà nulla,a meno che non si faccia come con la piscina (voglio ma non posso) e fatta da altri ai quali il Comune cederà aree fabbricabili per avere in cambio qualcosa. Come dice e come mi piace affermare,sono solo propagande elettorali,da qualsiasi parte provenghino,ma tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare. E di mare a Sestri ne abbiamo (anche se inquinato)a iosa! Ma le ricordo che siamo stufi di questi dilettanti della politica.

  2. ivo moschen ha detto:

    Facile fare proclami quando si è dall’altra parte, il difficile viene quando si è chiamati ad amministrare e trovarsi costretti a continui tagli di spesa e qui che vorrei che ci chiarisse il signor Sivori da quali casse attingerà per tutta questa prevenzione, per ampliare o rinnovare le illuminazioni ecc. Grazie anticipate per la risposta, che sia una risposta credibile e non il solito proclama elettorale.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>