Published On: Lun, Dic 4th, 2017

Meetup 5 stelle Cogorno: “5 milioni giocati alle slot di Cogorno nel 2016”

Per il Meetup 5 stelle di Cogorno c’è una grave situazione sociale nel Comune:
Ben 5 milioni di euro spesi nelle macchinette solo a Cogorno nel 2016 (3 milioni in slot e 2 milioni
in Vlt presenti nelle sale slot) questi sono i numeri allarmanti che ci hanno fornito le Agenzie
delle Dogane e dei monopoli” afferma Riccardo de Giorgi per conto del Meetup di Cogorno. “In
una realtà con 5 mila abitanti significa che ogni persona ha speso mille euro in un anno in
macchinette.
Se contiamo che ci sono bambini e persone che, per fortuna, non giocano capiamo che le cifre
sono esorbitanti. Le amministrazioni devono assolutamente intervenire con l’unico strumento a
loro disposizione, l’ordinanza sulla limitazione oraria del funzionamento delle slot e Vlt”
Questa ingente mole di denaro è sottratta ai consumi e quindi all’economia reale e sta
mettendo in serio pericolo l’equilibrio economico locale.
Ogni euro speso in azzardo, impoverisce tutti, non solo chi gioca.
Nei comuni dove la limitazione è stata attuata si è riscontrata una notevole diminuzione del
fenomeno. Ormai ci sono tutti i mezzi per non incorrere in costosi ricorsi a spese delle tasche
comunali e quindi dei cittadini.
Di pochi giorni fa la denuncia dell’Asl 4, con numeri allarmanti in continuo aumento sui casi
seguiti (50 pazienti nella sola Asl chiavarese), ma tante sono le persone che non accettano
aiuto o che si vergognano. Una patologia che pesa sulle tasche della sanità pubblica, che
rovina famiglie, che provoca disagio sociale e criminalità.
“Sono due anni che ci battiamo localmente per contrastare il gioco d’azzardo, sarebbe utile che
tutte le amministrazioni comunali facessero applicare la limitazione oraria del funzionamento
delle slot. Come recentemente ha comunicato il nostro Portavoce in Parlamento Matteo
Mantero a tutti i Sindaci tramite una lettera aperta, noi rimaniamo a disposizione
dell’amministrazione per darle il supporto tecnico per la riuscita di questa importante iniziativa
rivolta alla cura dei cittadini.”
Alla luce di questi dati non possiamo fare finta di nulla, il contrasto al gioco d’azzardo deve
diventare una priorità per le amministrazioni comunali che, ripetiamo, hanno come unico
mezzo la limitazione degli orari di funzionamento delle slot.”