Published On: Mer, Set 4th, 2019

Meteo Liguria: bello, ma troppo caldo, rischio incendi e niente funghi

La temperatura nel Tigullio è ancora decisamente estiva (di giorno è stata quasi sempre sopra i 30°, da giugno), il che rende la Liguria un’isola felice, mentre altrove si vive tra uragani nelle Bahamas e allagamenti a Roma e Milano. I turisti (è la stagione degli stranieri) gongolano come i loro ospiti, hotel e ristoranti, nulla lascia presagire il precipitare in una stagione oscura, fredda e di pesante lavoro: la Liguria continua a essere come la California, tra spiagge, Montagne Rocciose, baie assolate. Solo che in Liguria manca la ricchezza e la tensione verso il futuro di una Silicon Valley, la qualità di un’università come Berkeley, le industrie postmoderne di Hollywood e di Next Hollywood (Netflix, la produzione di serie tv…).

Il caldo porta anche un rischio di incendi -soprattutto nelle zone vicino alla costa (nell’interno nei giorni scorsi è piovuto), per cui vale sempre la raccomandazione di non accendere fuochi e di non buttare sigarette accese.
Niente da fare anche per i funghi, a meno che non arrivi la pioggia, possibilmente entro il week end.
Ci si può consolare con la raccolta di more e nocciole (in val d’Aveto una festa delle nocciole a Mezzanego), oltre che con l’ennesimo tuffo in mare.
Le scuole intanto ormai incombono.