Published On: Gio, Gen 5th, 2017

Meteo Liguria: tramontana a 118 kmh e freddo in aumento nel Tigullio

Anche in Liguria è arrivato il freddo. Per ora le temperature si sono mantenute su valori non eccessivamente bassi ma c’è già stato un sensibile rinforzo dei venti settentrionali. Il calo termico sarà sensibile quasi ovunque a partire dalla serata. Sul bellissimo mare a fazzoletti, da vedere lo splendido fenomeno delle scie di Poseidone, che ormai è un fenomeno (e una definizione linguistica) del tutto sparito dal lessico italiano (e persino inglese: wake of Poseidon è solo un disco dei King Crimson). Sul web, zero risultati. Ormai non conosciamo più nulla: né fiori, né animali sotto casa (magari col documentario Discovery sappiamo tutto delle iguana, ma non riconosciamo una gallina faraona), né fenomeni marini. Il mare è solo una cartolina?

I DATI DELLA SCORSA NOTTE – La temperatura minima è stata registrata agli oltre 1800 metri della stazione di Poggio Fearza, nel comune di Montegrosso Pian di Latte (Imperia) con -7.3. A seguire, secondo i dati della rete Omirl in tempo reale, i comuni dell’entroterra savonese:

Sassello -5.9, Calizzano -5.8, Mallare -4.9, Montenotte Inferiore -4.8. In provincia di Genova la minima più bassa si è avuta a Loco Carchelli (Rovegno) con -4.9, nello spezzino a Casoni di Suvero con -1.9.

Il dato significativo è rappresentato, però, dall’ingresso burrascoso dei venti settentrionali. Nella notte si sono toccate velocità di 76 km/h sul Monte Pennello, alle spalle del Ponente genovese e di 64 km/h a Fontana Fresca (Sori) dove una raffica ha raggiunto i 109 km/h. La raffica più violenta si è, però, registrata a Casoni di Suvero: 118 km/h.

LE PREVISIONI PER I PROSSIMI GIORNI – Saranno ancora il vento settentrionale e il freddo intenso i protagonisti del tempo fino a venerdì. La combinazione tra le basse temperature ed i venti che soffieranno ancora moderati o forti fino alla prima parte della giornata di domani determineranno una percezione più accentuata di freddo. Sabato, un debole flusso meridionale potrebbe provocare locali e deboli piogge o episodi di nevischio anche in prossimità delle coste. Si tratta, però, di una previsione che andrà aggiornata domani, alla luce delle ultime uscite modellistiche. Questo il quadro delle previsioni emesse dal Centro Meteo Arpal:

giovedì 5 gennaio:  un’irruzione di aria molto fredda e secca investe la Liguria a partire dalla serata, causando un sensibile calo delle temperature. Cieli sereni e venti di tramontana localmente fino a burrasca forte che aumenteranno la sensazione di freddo. Venti: da Nord-NordEst di burrasca, con raffiche fino a burrasca forte lungo i crinali e allo sbocco delle valli. Mare: mosso, localmente molto mosso a Ponente

Temperature massime in diminuzione.

Domani, venerdì 6 gennaio:  la Liguria resta interessata da correnti molto fredde e secche. Epifania che trascorrerà con cieli sereni su tutta la regione, venti da Nord in attenuazione ma con freddo in intensificazione. Venti: moderati da Nord-NordEst su Centro-Levante, deboli settentrionali altrove. Mare: poco mosso a Levante, da mosso in calo fino a poco mosso a Ponente. Temperature in diminuzione sia le minime che le massime. Nell’entroterra valori sottozero possibili anche durante il giorno, lungo la costa massime tra 4 e 6 gradi.

Dopodomani, sabato 7 gennaio:  un debole flusso di correnti meridionali nei bassi strati favorirà la formazione di locali addensamenti a cui potrebbero essere associate deboli piogge o episodi di nevischio anche in prossimità delle coste, più probabili tra il Tigullio e il Savonese.

Venti: al mattino ancora deboli da Nord su Centro-Ponente, deboli meridionali altrove; al pomeriggio ovunque dai quadranti meridionali. Mare: poco mosso. Temperature stazionarie.

Scia di Poseidone