Published On: Ven, Giu 30th, 2017

Mostra sulle Icone russe a Deiva Marina prolungata per l’estate

Proseguirà anche nella stagione estiva a Deiva Marina, l’ importante evento in campo religioso-artistico rappresentato dalla mostra di arte sacra “Ogni icona è un Sacramento, un colloquio intimo con Dio”

Chi volesse approfondire la conoscenza di queste importanti opere -non di “arte sacra”, ma di “fede sacra”, può leggere l’importante scritto di Pavel Florenskij “Le porte regali” (Adelphi editore).

Inserita nell’ambito della consolidata rassegna culturale “Deiva dialoga con l’Arte”  che nel corso negli anni ha portato nel paesino rivierasco  importanti iniziative  artistiche, valorizzate dallo scenario suggestivo offerto dagli interni della Torre saracena di Deiva Marina nel centro storico,  dove sono ora esposte le icone russe provenienti dalla donazione della Signora Paola Teresa Lovera di Moneglia.

Trentanove opere, appartenenti alla collezione di famiglia,  donate  al Comune di Deiva Marina in memoria del compianto marito Giulio Bousquet, per 25 anni capostazione a Deiva Marina. La collezione, presenta la grande varietà delle scuole russe in  un arco cronologico dal XVIII al XX sec. ,con un’ampia provenienza territoriale espressione dei vari centri e delle varie scuole regionali: Novgorod, Pskov, Accademia di Mosca, Nord della Russia, Palekh, San Pietroburgo, ognuna delle quali ha fondato, nel tempo, una scuola iconografica con particolari caratteri estetici, pittorici e compositivi, nell’alveo di una tradizione costante.

I soggetti rappresentati sono quelli canonici di Gesù Cristo: il Volto Sacro o Salvatore Acheropita (non dipinto da mano umana) Cristo Pantocratore ( Colui che sostiene in se l’essere), Signore dell’Universo, Cristo il Salvatore e Deesis (rappresentazione iconografica che vede Cristo in Trono circondato dalla Vergine e da San Giovanni Battista). Inoltre sono in mostra i tre grandi prototipi della Vergine, Madre di Dio: della Tenerezza, Orante, Eleusa, icone della vita dei Santi e di Angeli, delle 12 Grandi Feste e Menologi (calendari liturgici) annuali e mensili.

L’esposizione, nei mesi di Luglio e Agosto, sarà visitabile con ingresso libero tutti i sabati dalle ore 21,00 alle ore 2300 e le domeniche e il 15 Agosto dalle ore 10,00 alle ore 12,00.