Published On: Ven, Dic 6th, 2013

Multe UE all’Italia: 120 milioni di euro nel 2012

L’Italia è sempre più scollata dalla UE. Spendiamo pochissimo in servizi, e ciò spendiamo, se ne va in fuffa: per esempio, in Norvegia o Danimarca, la spazzatura è fonte di denaro grazie agli odiati (in Italia, a causa di mafie e caste?) “termovalorizzatori”, in Italia i rifiuti urbani costano cifre spaventose ai contribuenti e alle Amministrazioni. La depurazione delle acque in Italia è in grave ritardo, e ciò procura costi aggiuntivi a causa delle multe in arrivo da Bruxelles.

Nel Regno Unito e persino in Romania si cominciano a bloccare alcuni italiani in arrivo agli aeroporti, se muniti della sola carta di identità.
Il motivo? In Italia utilizziamo ancora la vecchia carta, e non quella nuova di plastica, con badge, fatta come la carta sanitaria o la nuova patente. Sembra che il nostro ritardo sia dovuto a una lite tra Zecca di Stato e e un’altra istituzione statale…

Nel solo 2012 così abbiamo pagato alla UE 120 milioni di multe per ben 2.569 violazioni (siamo lo Stato europeo più multato di sempre). I conti  sono contenuti nel Rapporto 2012 sull’esecuzione delle sentenze della Corte di giustizia di Strasburgo. Multate operazioni rapinatorie (anche se nei confronti di costruttori di ecomostri come l’ecomostro di Punta Perotti a Bari (49 milioni di risarcimento stabiliti dalla Corte). Idem per l’esproprio di un terreno alla società Immobiliare Podere Trieste, e infine la condanna per la mancata assegnazione delle frequenze televisive a Centro Europa 7.
Poi c’è la questione delle quote latte (da recuperare 1,4 miliardi di euro per la mancata regolarizzazione dei pagamenti delle multe latte pregresse da parte dei produttori nel periodo tra il 1995 e il 2009. Poi la gestione dei rifiuti in Campania opposta alle norme continentali (deferimento da 25 milioni di euro).

italia tasse europa

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>