Published On: Sab, Mar 16th, 2013

Muzio boccia i “dossi” in Via Tangoni. Ma forse arriva l’Autovelox

velox

CASARZA LIGURE.

Un secco rifiuto del Sindaco Claudio Muzio sull’installazione dei dossi rallentatori in Via Tangoni a Casarza Ligure. Questa è stata la presa di posizione del primo cittadino a risposta della petizione presentata in comune nell’estate scorsa ma trattata solo ieri sera, dopo mesi di incontri e discussioni,  nella quale una trentina di residenti chiedevano espressamente all’amministrazione il posizionamento di “dissuasori stradali ” in Via Tangoni; unico ( secondo i residenti ) rimedio per far rallentare gli automobilisti che percorrono quel tratto di strada a velocità sostenuta.

« Sono assolutamente contrario ai dossi; replica Muzio a risposta alle lettere ricevute. Non possiamo posizionare i rallentatori in quel tratto di strada perchè si tratta di una zona industriale e come tale non è prevista dal codice della strada l’installazione di dossi. Capisco che la via incriminata sia invece in zona residenziale, ma in ogni caso è solo una  via di collegamento tra le due zone industriali che si trovano sulla sinistra del Torrente Petronio e visto l’alta densità di traffico, specialmente di mezzi pesanti, i dossi diventerebbero scomodissimi per gli autotrasportatori e inoltre provocherebbero delle emissioni sonore fuori dal limite del consentito ».

La strada che stiamo citando è mancante di marciapiedi e inoltre è molto stretta ed è in attesa di approvazione, da parte della Regione, dell’ ampliamento della carreggiata e della costruzione dei marciapiedi. Tutto questo sarà possibile solo quando  tutti i residenti cederanno al comune ( volontariamente ), tramite ” consensi bonari “, parte dei giardini o parte dei passi carrabili antistanti alle case. Solo una volta ottenute le giuste metrature si potrà procedere con le opere di ampliamento stradale.

«Sono rammaricato di una cosa in particolare, aggiunge il Sindaco Muzio. Manca pochissimo per avere tutti i ” consensi bonari ” dei residenti per mettere in sicurezza la strada e creare i marciapiedi, ma vi voglio ricordare che anni fa, quando avevamo fatto la proposta della costruzione dei marciapiedi, molte persone che adesso hanno firmato per ottenere i dossi dissuasori, erano contrarie al progetto marciapiedi e non abbiamo potuto procedere con i lavori ; questa mi sembra una cosa paradossale ».

A sostegno dei cittadini, prende la parola il consigliere di minoranza Luca Banchero che esprime il suo dubbio sull’ effettivo collocamento nel PUC della via in questione. «Io credo che la via sia in zona residenziale e anche se non lo fosse stiamo sempre parlando di incolumità dei cittadini. Lasciamo perdere quello che è stato fatto con le amministrazioni precedenti o meno; qui si sta parlando di adesso e in qualche modo bisogna intervenire. Non basta il cartello del limite dei 40 orari perchè  non è rispettato da nessuno e lo sappiamo bene tutti ». Anche il consigliere Daniele Raffo concorda con Banchero e solo dopo un dibattito tra i due e il consigliere Giorgio Firenze ( ad assemblea sospesa ) si arriva ad un accordo che sarà approvato dalla giunta all’unanimità.

« Visto che non è possibile impiegare il personale della Polizia Municipale e quello delle forze dell’ordine per monitorare costantemente e giornalmente la strada in questione, si è giunti alla decisione che sarà presa in seria considerazione l’installazione di due autovelox. Uno in Via Tangoni e probabilmente uno in Via de Gasperi »

Il parere della gente in sala: “Sarebbe una scelta ottima”.

Relativamente all’adesione al  protocollo d’intesa sul “Depuratore Comprensoriale” di Lavagna il testo della deliberazione con il relativo protocollo è stao approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>