Published On: lun, Nov 19th, 2018

Muzio (Forza Italia): Edicole e benzinai, novità per l’entroterra

Claudio Muzio, consigliere regionale di Forza Italia e relatore in aula del Disegno di Legge di modifica al Testo Unico in materia di Commercio, esprime la sua soddisfazione per l’approvazione all’unanimità del provvedimento, avvenuta stamane in Consiglio.

“Con questo disegno di legge la Regione, oltre a recepire le novità legislative a livello statale e le disposizioni comunitarie in materia di commercio, introduce alcune misure che avranno ricadute positive sul territorio”, dichiara Muzio.

“Voglio in particolare sottolineare – prosegue – le nuove norme che riguardano le edicole e i distributori di carburante, due attività che, in special modo nei piccoli centri, erogano servizi essenziali e rappresentano importanti presìdi, non soltanto commerciali. Per quanto riguarda i benzinai, il disegno di legge stabilisce che per alcune zone interne svantaggiate vi sia la deroga dall’obbligo, previsto dalla legge statale, di vendere anche carburanti ecocompatibili (metano e gpl). Per quanto concerne invece le edicole, si prevede di riqualificarle ed innovarle con nuovi servizi quali informazioni turistiche, rivendita ticket e smercio di prodotti alimentari confezionati, come bevande in lattina, dolciumi e altro: questo al fine di compensare il forte calo delle vendite dovuto alla crisi dell’editoria verificatasi negli ultimi anni e, nel contempo, di fornire servizi utili a residenti e turisti”.

“Nel dettaglio – sottolinea il consigliere regionale di Forza Italia – i Comuni delle aree interne del Tigullio interessati dalla deroga sui distributori di carburante sono: Borzonasca, Castiglione Chiavarese, Coreglia Ligure, Favale di Malvaro, Lorsica, Lumarzo, Mezzanego, Neirone, Orero, Rezzoaglio, San Colombano Certenoli, Santo Stefano d’Aveto”.

“Queste misure – conclude Muzio – potranno contribuire ad evitare l’ulteriore spopolamento dell’entroterra e a ricreare condizioni favorevoli per il rilancio economico delle nostre vallate. Il voto all’unanimità è l’esito di un lavoro comune tra le forze politiche rappresentate in Consiglio, che ha portato buoni frutti”.