Published On: Mar, Mar 20th, 2012

Nadia Molinaris: una lista civica per Rapallo

Share This
Tags

Le liste civiche saranno la cifra fondamentale delle elezioni amministrative 2012.
Finalmente si sta sgonfiando la bolla degli indignati-demagoghi, che ha colpito da decenni e trasversalmente ogni schieramento politico, dalla destra di Storace e Di Pietro, alla sinistra massimalista, alla Lega, a Grillo.
Gli indignati-demagoghi avevano il pregio di provare a dare una spallata a un sistema ancora più bloccato di quello pre caduta del Muro di Berlino, ma avevano almeno due difetti enormi.
1.    Il primo era la mancanza di persone con competenze nel settore della politica, dell’economia, dell’amministrazione. Fin che si tratta di distruggere un avversario, la cosa funziona, ma come si fa ad affidare un Paese o una città a un incompetente, per giunta urlatore e -spesso- forcaiolo?
2. Il secondo limite era (è) la mancanza di collegamento con la gente del posto, il che aggrava -e non migliora- il tradizionale dirigismo dei grandi partiti, mentre al contrario gli italiani dovrebbero imparare ad autogestirsi come suggerisce il principio di sussidiarietà, raccomandato dalla UE, dalla logica, e fattore di successo di ogni politica positiva. (Per vedere cosa è la sussidiarietà, leggere qui, oppure qui).

Questi due enormi difetti possono essere risolti dalla diffusione delle liste civiche, che partono dal basso, e quindi favoriscono la presa in carico diretta della politica da parte dei cittadini. In questo modo le liste civiche possono anche ridurre il secondo difetto degli “indignati-demagoghi”, la mancanza di know how. Infatti una lista che nasce nei quartieri di una città valorizza la capacità del singolo, e lo mette direttamente in rete con amministrazione e cittadinanza. Se la persona ha già una sua esperienza professionale adeguata, i risultati sono assicurati.
Le liste civiche possono diventare un contributo per gli stessi partiti e la comunità urbana.

Lo si può vedere nell’ormai lunga esperienza del Circolo della Pulce, che ha dato vita alla lista La Pulce. La qualità del sito fa comprendere che non si tratta solo di parole, ma anche -appunto- di competenze acquisite.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>