Published On: Mer, Lug 2nd, 2014

Nelle notti dei Fuochi a Rapallo, non dimenticare la vicenda di uno dei “fuochini”

La vicenda personale di M.T. -coinvolto nella vicenda di due fuochini che hanno sottratto materiale incendiario da una cava e hanno imboscato 1,5 tonnellate di polvere e fuochi di artificio in due box a Rapallo e Lavagna, va staccata da quella degli altri due. Come ha già fatto la Magistratura, che ha decretato un arresto domiciliare in attesa di ulteriori sviluppi.

Si deve anche precisare che la quantità di materiale sequestrato, pur sembrando enorme ai profani, è in realtà la quantità di fuochi di artificio che si usa per una sola notte per le feste a Rapallo in questi giorni.

Va infine nettamente staccata dagli altri -da parte della stampa- la posizione di un giovane onesto , che ogni giorno si recava da carabinieri e forze di polizia per avere informazioni utili al suo lavoro di cronista locale, il quale è stato coinvolto in poche settimane in una vicenda che lo ha bloccato, per paura. Paura che ha bloccato l’intenzione (che c’era) di andare dalle forze di polizia a denunciare i fatti. Poi i fatti sono -come si dice- “precipitati”.

Questo lo diciamo soprattutto perché non è opportuno -nel Paese di Cesare Beccaria- essere giustizialisti e sparare titoloni e giudizi senza essere bene informati. Si dovrebbe smettere di buttare via il bambino con l’acqua sporca. La Magistratura saprà agire per il meglio. E’ bene che anche l’informazione faccia lo stesso.
fuochi rapallo

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>