Published On: Mar, Dic 27th, 2016

Niente assunzioni “sospette” in Comune a Chiavari. Levaggi: E’ una bufala

Dura e puntuale replica del sindaco di Chiavari Levaggi, a proposito dei ventilati sospetti su una possibile assunzione da parte del Comune di Chiavari di una dirigente del comune di Lavagna, coinvolta nell’inchiesta su mafia e politica di quel comune. Per Levaggi si tratta dell’ennesima bufala politica e di complottismo giustizialista, un vizio purtroppo nazionale. Infatti, anche se spesso vi sono colpe reali, non si può mai recedere dall’obbligo liberale del rispetto per gli individui e degli iter giudiziari, cosa già delineata nel 1764 da Cesare Beccaria, col suo mai compreso in Italia “Dei delitti e delle pene“.

Abbiamo ricevuto una domanda di mobilità, cosa che è nei pieni diritti dell’interessata. Ma ciò non significa che sia stata assuntaPurtroppo, per persone costantemente in malafede come alcuni miei avversari politici, presentare una domanda è diventata automaticamente un’assunzione. La nostra dirigente attualmente in ruolo resterà al suo posto sino a maggio 2017. Successivamente, la  logica prevede che, prima di tutto, venga vagliata la soluzione interna e solamente se non si trovasse un profilo adeguato si potrà fare una ricerca di mobilità. Chi fa richiesta di mobilità deve possedere quantomeno gli stessi requisiti di chi lascia il posto. A quanto mi risulta, la dirigente del Comune di Lavagna possiede tali requisiti e ha fatto richiesta di mobilità interna in base ai suoi diritti, che non vengono meno neanche quando si è indagati”.
In sostanza, una tempesta anticipata, e probabilmente in un bicchiere d’acqua, visto che verosimilmente l’assunzione sarà “interna” al Comune di Chiavari.