Published On: Ven, Lug 4th, 2014

Niente sabato alle scuole superiori. Terrore su nuovi tagli e risparmi

Nel prossimo anno scolastico gli istituti scolastici superiori nella (quasi ex) Provincia di Genova resteranno chiusi al sabato. La motivazione da parte della Provincia è quella del risparmio di luce, riscaldamento e personale: circa un milione di euro all’anno. Interessante, ma c’è da dire che abbiamo visto con i nostri occhi infinite volte le luci e persino il riscaldamento di molti istituti scolastici del Tigullio rimanere accesi per dimenticanza per tutto il week end. Scelleratezza e menefreghismo che si riversano sulla schiena delle famiglie. Risultato: un milione di risparmio non basta. Ne servono altri 5.

Il commissario straordinario della Provincia Fossati è chiaro, parlando di: “...riduzione del valore dei buoni pasto e una diversa organizzazione degli orari lavorativi”. Fossati per l’estate si è auto eliminato lo stipendio, segno che non sono le persone, ma è il sistema che è marcio e allo sfascio: la scuola pubblica “gratuita” non esiste. Negli Stati Uniti liberali, i libri di testo non costano ma vengono passati da uno studente all’altro (in buone condizioni!). Da noi, si pagano centinaia di euro per figlio, e ogni anno si paga mezzo stipendio di abbonamenti bus per figlio… Poi ci si chiede come mai le famiglie non facciano più figli. Siamo all’obbligo del figlio unico, come in Cina.
Fortuna che molti insegnanti fanno bene il loro dovere, così come molti studenti.
scuolabus

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>