Published On: Ven, Mag 3rd, 2013

No alle barriere antirumore trasparenti

barriere-acustiche-stradali-gRAPALLO. Si è svolto ieri mattina un incontro tra l’Amministrazione rapallese e Carlo Casini, direttore dei lavori di SPEA autostrade, società che ha in carico l’installazione dei pannelli fonoassorbenti lungo l’autostrada A12. Un’opera da 20 milioni di Euro che coinvolge, per il 42% del totale, il territorio rapallese (3 milioni di Euro spesi per il solo tratto in prossimità dell’ospedale di San Pietro).

A fronte di alcune petizioni popolari, il Sindaco Costa e l’Assessore Iantorno hanno chiesto a Casini alcune modifiche al progetto. Gli abitanti di Via Cerisola, Via Landea e Via delle Balze vorrebbero l’installazione di barriere anti rumore nei tratti tra le gallerie Sant’Agostino 1 e 2 (lavori attualmente in corso), i residenti di Via Carcassoni chiedono invece la possibilità di posizionare barriere trasparenti che non celino un invidiabile panorama mozzafiato.

“Richiesta, quest’ultima, che secondo Casini non potrà essere soddisfatta – riferisce l’assessore Iantorno – perché sul viadotto che sovrasta il Tuja insistono due problematiche: rumore e sicurezza. In caso di incidenti, come avvenne più di un anno fa quando un tir precipitò a ridosso delle abitazioni, le barriere trasparenti non sarebbero in grado di garantire la stessa protezione di quelle cieche”.

Non sono invece previsti interventi sul tratto che lambisce la frazione di Santa Maria del Campo – quartiere “Casalino” e sopra al San Francesco. Al termine dei lavori, Spea e Società Autostrade eseguiranno opportuni rilevamenti per verificare l’avvenuto abbattimento dell’impatto acustico prodotto dal traffico autostradale.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>