Published On: Mar, Mar 18th, 2014

Noihandiamo, per una città più accessibile

presentazione di NoihandiamoSESTRI LEVANTE. E’ appena nata, ma domani potrebbe cantare già la sua prima vittoria: la concessione per una porzione di arenile da destinare a spiaggia accessibile anche ai disabili gravi. Mirtha Barbetti, commerciante, e Marco Carbone, impiegato in un negozio di motorini e allenatore del Bic Genova, una squadra di basket composta interamente da giovani in carrozzina, hanno presentato oggi la loro associazione, “Noihandiamo“. A condividere con loro l’iniziativa altri tre soci fondatori: Alberto Cona e Massimo Guatelli, rispettivamente dottore commercialista e impiegato alla Cooperativa Tassano, e l’informatico Paolo Federici, che come Guatelli milita nella nazionale italiana disabili di rugby. primo obiettivo l’abbattimento di tutte le barriere, non solo architettoniche ma anche morali e inibitorie, attraverso l’integrazione che passa per lo sport e una cultura che renda la città accessibile per tutti. “I disabili sono tanti, anhe qui in città, ma spesso non escono, perchè non sanno dove anare vista la loro condizione – spiega Carbone -. Troppi rinunciano a fare sport, ad andare al mare o sulla neve, perdono fiducia nelle proprie possibilità”.

noihandiamo“Puntiamo a rendere la città accessibile sotto tutti i punti di vista, rendendola anche più appettibile per il turismo dei disabili, cosa che altrove, in località marittime come Sestri Levante, è già stata fatta  – prosegue Carbone -. Il nostro primo progetto prevede la creazione di una spiaggia interamente accessibile anche ai disabili gravi, dotata di piattaforma, lettini rialzati, ombrelloni più grandi, per permettere finalmente a chiunque di arrivare fino in acqua”. I ragazzi sono al lavoro a mesi intorno al progetto e, se domani le loro richieste verranno accolte in Giunta e la concessione rilasciata, il sito individuato come idoneo potrebbe una porzione della spiaggia libera attrezzata gestita da “Nuova Pm”, accanto alla spiaggia “dei balin”. “

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. Fuiguest ha detto:

    Ben vengano queste iniziative! Io pero’ darei la priorità all’eliminazione delle barriere architettoniche che ci si presentano nella vita quotidiana…. Sarà un mio pallino ma fra queste quella dell’accessibilità agli studi pubblici, primo fra tutti quella agli studi medici. Possibile che ci siano studi con decine di medici, di famiglia e/o specialistici (vedi Via Nazionale) non accessibili ai disabili (e non solo) ?

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>