Published On: Gio, Dic 5th, 2013

Nove anni di burocrazia per i pannelli fonoassorbenti della Lavagnina

Sestri Levante. Il tratto di autostrada Ligure-toscano, gestito dalla Salt di Lido di Camaiore, è gestore del viadotto della Lavagnina, che corre sopra dei palazzi edificati quasi tutti dopo la realizzazione dell’autostrada (1970). A parte il delirio di costruire sotto un’autostrada… sono utili le critiche mosse dal consigliere regionale Ezio Chiesa, ma non pongono il vero nodo della questione. In questi mesi nelle autostrade liguri si posizionano pannelli contro il rumore, che sono antiestetici e costosi. In Trentino –come abbiamo scritto su Tigullio News-  e all’estero invece da anni si utilizzano pannelli che insieme sono anche fotovoltaici, e quindi producono reddito. Forse i pannelli fotovoltaici fonoassorbenti non si potranno mettere sul viadotto, ma altrove sì.

Possibile che l’idiozia economica sia imperatrice d’Italia, insieme con la burocrazia? I lavori per la posa dei “nuovi” (in realtà vecchi) pannelli partiranno solo a fine 2014. La richiesta iniziale è del 2005.

L’iter burocratico dell’ultimo anno spiega il perché: progetto definitivo presentato al Ministero nel marzo 2013. Due mesi dopo il Ministero richiede delle integrazioni. Che devono ancora essere fatte e progettate. Poi si ritornerà in Ministero per l’approvazione.

Pannelli a Marano, autostrada del Brennero

Pannelli a Marano, autostrada del Brennero

Displaying 1 Comments
Have Your Say
  1. alessandro ha detto:

    L’isolamento edilizio e davvero essenziale…Vedi argomento simile

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>