Published On: Ven, Gen 27th, 2012

Nuova forte scossa di terremoto

La terra ha ballato, e come, alle 16 nella zona dell’Appennino tra Parma e La Spezia, subito sopra la Lunigiana, dove si congiungono Toscana, Liguria ed Emilia.
A casa è caduta qualche suppellettile, e si è rimasti in balia degli eventi per quasi 15 secondi.

L’epicentro era attorno a Berceto. La scossa era molto più forte della precedente, avendo raggiunto i 5,4 gradi della scala Richter. Al momento non si registrano danni nella zona di Berceto e nella nostra zona.
Per fortuna infatti il sisma era a ben 60 km di profondità, viceversa sarebbero stati dolori (ad Haiti la scossa fudel 7mo grado ma in superficie), ma comunque molta gente è scesa nelle strade, per il panico prodotto dalla forza delle onde sismiche. A Chiavari i vigili del fuoco hanno consigliato di restare in strada fino alle 18.

Nessuna segnalazione di danni da carabinieri e pubbliche assistenze di Sestri Levante, città più sismica delle altre nel Tigullio.

Una osservazione è d’obbligo. Come mai i sismologi laureati avevano detto che non c’erano collegamenti tra l’evento sismico di Verona e quello di Reggio Emilia? L’evento di oggi -il terzo in pochi giorni- dimostra invece che lo spostamento della placca africana, che spinge su quella euroasiatica all’altezza della pianura Padana, ha prodotto una serie di assestamenti in profondità.
Non dimentichiamo che a luglio 2011 c’erano già state ben 5 scosse, sempre nella zona della pianura Padana. Speriamo che la serie sia terminata.
In ogni caso (per chi crede): grazie al Cielo.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>