Published On: Mer, Gen 22nd, 2014

Nuovo centro di informazione delle Batterie, nel Parco di Portofino

Le “Batterie” sono un complesso di volumi costituiti da edifici e installazioni militari dell’ultima guerra (bunker, alloggiamenti, cunicoli di collegamento, ecc.) siti al di sopra di Punta Chiappa e sulle pendici del Monte Campana,  costruiti negli anni trenta-primi anni quaranta per la difesa della città  e del porto di Genova .

I manufatti sono raggiungibili attraverso il sentiero che partendo da San Rocco di Camogli raggiunge l’abitato di  Mortola per proseguire sino a S.Fruttuoso.

L’area presenta eccezionali valori paesistici e naturalistici e risulta  contigua con gli ex-coltivi terrazzati di Villa Gnecco (oggi albergo-ristorante Stella Maris a Punta Chiappa) dove nel XVIII° sec. l’agronomo Gerolamo Gnecco aveva realizzato un frutteto-agrumeto modello.

La località “Batterie” rappresenta la porta di accesso al cuore naturale del parco che coincide con i ripidi versanti meridionali che delimitano le baie di Cala dell’Oro e di San Fruttuoso; il sentiero che attraversa l’area, e che raggiunge S. Fruttuoso,  è senza dubbio l’itinerario escursionistico più caratteristico del parco.

Il sito presenta eccezionali valori paesaggistici e naturalistici ed è strategico per la fruizione dell’area protetta; per tali motivi il Piano del parco, sin dal 2002, ne ha previsto il recupero, sia per sottrarlo all’inevitabile degrado e sia per consentirne la visita in sicurezza.

Sulla base di un preliminare concorso di idee, l’Ente Parco ha approvato un progetto complessivo per il recupero dei diversi manufatti, ai fini della realizzazione di un polo multifunzionale che possa consentire la vista dei bunker, l’osservazione e lo studio delle emergenze naturalistiche – geologiche, botaniche, faunistiche – offrendo nel contempo ristoro e accoglienza.   Il progetto è stato elaborato nel rispetto dei valori presenti e quindi minimizzandone  l’impatto, puntando sulla sostenibilità ecologica del complesso, per quanto riguarda l’approvvigionamento energetico, lo smaltimento dei liquami e rifiuti, l’accessibilità, ecc.

Un primo lotto di lavori, finanziato dall’Ente parco e dalla  Regione Liguria con fondi P.O.R. nell’ambito del progetto “Terre di castelli e di dimore difensive” della Provincia di Genova, è stato realizzato tra il 2011 e il 2013.

Con questo primo intervento è stato riaperto e messo in sicurezza  il percorso che collega le “Batterie” con Punta Chiappa e Porto Pidocchio nonché recuperati  internamente  i bunker e i cunicoli di collegamento.

E’ stato inoltre allestito il centro vista all’interno del sedime dell’originario edificio che ospitava il Corpo di Guardia, per accogliere i visitatori e informarli sulla storia delle installazioni militari.

Il centro informerà i visitatori, e in particolare i giovani, sulle vicende della seconda guerra mondiale avvenute nella nostra provincia ovvero circa  l’attività e la vita quotidiana delle truppe italo-tedesche all’interno dei bunker, i bombardamenti aerei e la guerra di liberazione, volendo rappresentare un rispettoso omaggio a chi ha combattuto e ha perso la vita in un conflitto il cui ricordo è ancora vivo nei nostri vecchi e che ha segnato profondamente il secolo scorso.
Invito inaugurazione Batterie

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>