Published On: Sab, Set 23rd, 2017

Nuovo pluviometro per Casarza ligure, a Cardini: utile per la sicurezza in città

L’amministrazione del comune di Casarza ligure prosegue le azioni e misure atte a mitigare i rischi ambientali in particolare quello idraulico ed idrogeologico.
Dopo la pulizia del torrente Petronio e affluenti, che proseguira’ nei prossimi giorni con i rii Bargonasco e Cacarello, di cunette e tombinature, e’ stato posizionato un nuovo strumento di prevenzione e controllo.
Operai comunali, e i volontari dell’Osservatorio Meteorologico Agrario Geologico Gian Carlo Raffaelli, hanno installato un pluviometro presso il centro abitato della nostra frazione di Cardini.

Lo strumento meteorologico è stato donato da Regione Liguria nell’ambito di un progetto fortemente voluto dall’Assessore all’Ambiente e Protezione Civile Giacomo Raul Giampedrone e dal Consigliere Regionale Claudio Muzio.

Questo strumento si aggiunge alla rete meteorologica ed idrometrica gestita dall’Osservatorio Raffaelli che, da anni, collabora con l’Amministrazione Comunale e che segue tutta la parte meteorologica fornendoci informazioni utili e puntuali sull’evoluzione dei fenomeni meteo.
Lo strumento e’ posizionato all’interno del bacino idrografico del Torrente Cacarello, corso d’acqua tra i piu’ delicati del nostro Comune.
Il pluviometro, strumento che misura la quantità e l’intensità delle precipitazioni, ci permetterà’ anche di comprendere l’innesco di movimenti franosi nella zona di Cardini, grazie a studi geologici svolti dai nostri tecnici.
L’operazione dall’alto valore in termini di prevenzione, rientra all’interno delle misure previste dal vigente Piano Comunale di Protezione Civile a cui si aggiungono gli interventi realizzati questa estate dai volontari dell’Osservatorio Raffaelli volti a ristrutturare tutta la rete di aste idrometriche che comprende ad oggi 24 postazioni di Presidio Idraulico lungo tutti i corsi d’acqua del territorio casarzese e dell’alta val Petronio.
Assessore all’Ambiente Erica Rovai
Sindaco Giovanni Stagnaro