Published On: Gio, Gen 24th, 2019

Nuovo porto di Santa Margherita ligure, una pietra tombale sul progetto?

Insieme, Santa nel cuore, in un comunicato stampa sul futuro del nuovo porto marina di Santa Margherita ligure, accoglie con favore un ordine del giorno approvato all’unanimità in Consiglio comunale:

Finalmente, dopo cinque anni di silenzio, il Sindaco Paolo Donadoni e la sua Giunta hanno espresso in Consiglio comunale un indirizzo politico sul porto cittadino. lo hanno fatto votando un ordine del giorno, condiviso con tutti i gruppi consiliari, in cui si indica chiaramente come i lavori di ripristino della diga foranea danneggiata dalla mareggiata debbano essere realizzati dagli enti pubblici competenti e che le Commissioni consiliari saranno costantemente informate.

Poco importa se l’iniziativa del Sindaco avviene in imminenza della campagna elettorale o se, in realtà, nemmeno l’avvio della procedura di diniego avrà il potere di escludere la Santa Benessere ed il suo progetto. Vogliamo leggere questo atto congiunto come l’inizio di una collaborazione tra le componenti consiliari, quella collaborazione che le opposizioni hanno sempre proposto ed auspicato e che la maggioranza ha sempre, di fatto, respinto. Tutto ciò premesso, non possiamo esimerci da alcune considerazioni che riteniamo doveroso esprimere:

– Perchè, soltanto ora, a pochissimi mesi dalle elezioni comunali, il Sindaco impone un rallentamento alla pratica porto? Siamo portati a pensare sia una mossa da campagna elettorale e, probabilmente, abbia riscontrato che malumori all’interno della sua attuale maggioranza non garantirebbero i voti necessari alla approvazione della pratica in Consiglio comunale, eventualità che suggerirebbe di aspettare la prossima Giunta, sperando in una rielezione.

Non dimentichiamo, in ultimo, che le 47 prescrizioni al progetto imposte dal comune (e in gran parte non rispettate), rappresentavano già dall’inizio 47 validi motivi per dire di no al progetto.

Progetto di Santa Benessere & Social