Published On: Gio, Ott 29th, 2015

Oggi il Doctor Who, serie di successo nata 52 anni fa, arriva al Lucca Comics & Games 2015

In questi anni grazie a Rai 4 tanti italiani hanno conosciuto e sono diventati fans della serie di culto britannica “Doctor Who”, telefilm che fu trasmesso, in occasione dell’episodio speciale per il cinquantesimo anniversario della nascita della serie, in mondovisione, in contemporanea in moltissimi Paesi del Mondo. Anche i fan italiani, grazie a Rai 4, hanno potuto vedere l’episodio contemporaneamente ai fan del Regno Unito e di tanti altri Paesi. Il primo episodio della serie fu messo in onda il 23 novembre 1963, la vecchia serie venne trasmessa fino al 1989. Venne realizzato, dopo alcuni anni, un episodio pilota sotto forma di film per la televisione con lo scopo di far ripartire la serie. “Doctor Who” ricominciò la produzione nel 2005, la nuova serie è giunta quest’anno alla nona stagione, ed è attualmente trasmessa dalla BBC One. La messa in onda in Italia, su Rai 4, è prevista a gennaio.

Con i suoi 52 anni e più di ottocento episodi trasmessi “Doctor Who” è la serie di fantascienza più longeva del mondo e di maggior successo per quanto riguarda gli ascolti, vendite di libri e DVD. “Doctor Who” è entrato, per questi motivi, nel Guiness World Records. La serie ha ricevuto numerosi premi sia da parte della critica sia dal pubblico. Il Daily Telegraph ha nominato il Dottore “alieno preferito del Regno Unito”.

Steven Moffat, capo sceneggiatore e produttore esecutivo di “Doctor Who”, e Jamie Mathieson, sceneggiatore della serie, saranno ospiti al Lucca Comics & Games 2015. Moffat e Mathieson presenteranno, venerdi 30 alle 18.30 presso il cinema Astra, l’anteprima di “The Magician’s Apprentice”, il primo episodio della nona stagione, e il giorno seguente saranno protagonisti, alle 12.00, di un incontro con il pubblico presso l’Auditorium San Romano. Il protagonista della serie è un alieno umanoide, un Signore del Tempo, che viaggia in modo casuale nel tempo e nello spazio e, usando le sue conoscenze nella scienza, nella cultura, nella storia, affronta i problemi che gli si presentano davanti salvando vite e universi. Non gli è permesso tuttavia intervenire nel caso si tratti di “un punto fisso nel tempo e nello spazio”. I Signori del Tempo, grazie alla loro evoluzione morale e scientifica sono riusciti a comprendere alcuni dei processi intrinsechi del meccanismo del tempo e dello spazio. La presenza di un vortice temporale a Gallifrey, il loro pianeta, ha permesso ai Signori del Tempo l’accumulo di energia di rigenerazione. Tramite questo processo Doctor Who, in caso di infortunio o di una malattia che potrebbe essergli fatale, è in grado di modificare le proprie sembianze fisiche e in parte la propria personalità. Un Signore del Tempo riesce a realizzare al massimo 12 rigenerazioni ma il Doctor, grazie all’intervento dei suoi simili che per gratitudine gli hanno donato energia rigenerativa, ha già superato le 12 rigenerazioni. Questo stratagemma ha permesso di risolvere, quando ne è sopravvenuta la necessità, il problema del cambio dell’attore nel ruolo. Sono ben 12 gli attori che hanno interpretato negli anni il mitico Signore del Tempo. William Hartnell è stato il primo Doctor, Tom Baker ha interpretato per maggior tempo Who, John Hurt lo ha interpretato nella parte di guerriero, l’incarnazione tra l’ottavo e il nono. Il dodicesimo è interpretato da Peter Capaldi, attore britannico di origine italiane. La famiglia del padre di Capaldi era di Picinisco, Comune in Provincia di Frosinone.
loc Doctor who

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>