Published On: Mar, Apr 23rd, 2013

Opposizione: sprechi per il calcio mentre calano i contributi a famiglie

Uomini e città (Valeria Leoni) e la lista Chiavari avanti così (Silvia Garibaldi) attaccano la giunta comunale in merito alle spese su due campi di calcio della città. C’è da dire che il calcio a Chiavari non è solo una fonte di costo, ma può -integrandosi con gli altri sport- costituire una fonte di reddito, creando turismo, visitatori, e comunque offrendo servizi ai residenti.

COMUNICATO STAMPA
“Non si capisce perché un’Amministrazione Comunale e un Sindaco, che dovrebbero distribuire le risorse pubbliche con equità e trasparenza, abbiano deciso di stanziare € 1.368.000 per l’adeguamento e l’ampliamento dei due campi calcistici della Città, mentre vengono pronunciati continuamente dinieghi alle richieste di sostegno alle persone in difficoltà, così come sono stati tagliati i contributi per pagare le bollette delle utenze domestiche e gli affitti ai più bisognosi.
Si assiste inoltre a un degrado delle strade cittadine, che diventano pericolose e dove i Chiavaresi rischiano quotidianamente di farsi male, con un conseguente aumento dei costi sanitari e sociali.
Infine, abbiamo assistito al licenziamento di personale comunale in nome di un risparmio che assume un profondo significato antisociale.
Alla luce dei fatti, abbiamo, quindi, Cittadini chiavaresi che sono figli di un dio minore?
Con che coraggio si può decidere di non aiutare chi ha bisogno, di licenziare del personale e di non mettere in sicurezza la Città con la motivazione che “non ci sono soldi”?
Questa Amministrazione continua a stupirci non spendendo le risorse dei Cittadini dove il buon senso indicherebbe le reali necessità della gente: questo significa non rispettare il principio della solidarietà.”
Valeria Leoni e Silvia Garibaldi
chiavari comune2

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>