Published On: Ven, Ott 30th, 2015

Ordinanza sui comportamenti in scuole, mercati, negozi etc. in caso di allerta meteo

Il Comune di Chiavari ha determinato le azioni da compiere in base ai diversi livelli di allerta meteo. Si fa così chiarezza sul come agire nei casi dubbi, legati soprattutto all’allerta arancione.
Ecco una parte dell’ordinanza relativa al cosa fare (riproposta poi per intero di seguito).

  • In caso di allerta Arancione:
  • E’ sospesa l’attività della Scuola dell’Infanzia dell’Istituto Comprensivo Chiavari 2, sita presso l’Istituto Assarotti in Chiavari, Corso Millo.
  • È vietata qualsiasi manifestazione ludico e/o sportiva su area pubblica.
  • Sono sospese le fiere annuali di Sant’Antonio e del 2 luglio.
  • Sono chiusi i parchi pubblici ed i cimiteri.
  • Il Sindaco valuta l’eventuale chiusura di scuole, strutture assimilabili, palestre e centri sportivi, nonché di tutte le altre attività elencate al punto successivo.
  • In caso di allerta Rossa:
  • Sono sospesi i mercati settimanali del venerdi, i mercati dell’Antiquariato, quello dei Sapori e delle Tradizioni e Mercato Damare. A tal fine gli esercenti il commercio su aree pubbliche titolari di posteggio assegnato nonché gli “spuntisti” sono tenuti al controllo degli aggiornamenti della situazione meteo attraverso gli organi di informazione ed il sito regionale del Centro Funzionale della Protezione Civile della Regione Liguria (www.meteoliguria.it – link previsioni – allerta on line), al fine di evitare di recarsi in loco.
  • Si dispone la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Nel caso in cui lo Stato di Allerta Rosso subentrasse ad attività didattica già intrapresa, i dirigenti scolastici si attiveranno al fine di garantire la sicurezza degli studenti all’interno dell’istituto, adottando le misure necessarie previste dai piani di sicurezza e provvedendo allo stazionamento degli studenti all’interno anche dopo l’orario delle lezioni, conducendoli ai piani alti ed impedendone l’uscita all’esterno, qualora l’uscita comportasse rischi evidenti seguendo rigorosamente le indicazioni del centro operativo.
  • È vietata qualsiasi manifestazione ludica e/o sportiva, anche in aree o locali privati.
  • E’ vietata qualsiasi attività agonistica o di allenamento sui campi sportivi del territorio comunale.
  • E’ vietata la sosta nei sottopassi cittadini, nonché in caso di allagamenti, anche limitati, ne è vietato il transito sia veicolare che pedonale.
  • E’ vietata qualsiasi attività nell’area compresa tra Viale Kasman ed il fiume Entella sino alla zona sottostante il viadotto autostradale e tutti i veicoli eventualmente in sosta presso tale area dovranno essere spostati: a tale scopo è consentita la sosta sulla corsia a levante della carreggiata di V.le Kasman, con direzione sud/nord.
  • Tutte le aree adiacenti ai corsi d’acqua sono interdette al transito anche pedonale, con particolare riferimento al Lungo Entella.
  • Limitare gli spostamenti, in particolare con veicoli, a quelli strettamente necessari.
  • Non tentare di raggiungere la propria destinazione, ma cercare riparo presso lo stabile più vicino e sicuro.
  • Astenersi da qualsiasi tentativo messo in atto per assicurare il riparo o il salvataggio di qualunque bene o materiale e trasferirsi e restare in ambiente sicuro.

Qualora l’allerta Rossa o l’evento subentrino mentre alcune attività sono in corso, le stesse vanno immediatamente sospese e le persone allontanate secondo i provvedimenti dell’Autorità Comunale, fatto salvo quanto già stabilito per gli edifici scolastici.

SOSPENSIONI DI ATTIVITA’ IN CASO DI ALLERTA METEO

IL SINDACO Viste:

  • la Legge 24 febbraio 1992 n. 225 “Istituzione del Servizio Nazionale della Protezione Civile” che individua le competenze del Comune e le attribuzioni del Sindaco in materia;
  • il D.lvo 31 marzo 1998 n. 112 sul conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del Capo I della Legge 15 marzo 1997 n. 59;
  • la Legge Regionale 17 febbraio n. 9 “Adeguamento della disciplina e attribuzione agli enti locali delle funzioni amministrative in materia di protezione civile ed antincendio”;
  • il Piano Comunale di Protezione Civile approvato con Deliberazione n. 101 del 18 aprile 2003 del Commissario Straordinario;
  • la deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 30 gennaio 2015 ad oggetto: “Approvazione dell’aggiornamento del Piano di Protezione Civile per il Comune di Chiavari”;

 Premesso che in data 15 ottobre 2015 è entrato in vigore il nuovo sistema di allertamento meteo approvato con la Delibera di Giunta Regionale n. 1057 del 06 ottobre 2015, con la quale la Regione Liguria passa al sistema di allertamento con colori per il rischio idrogeologico, idraulico e nivologico, in particolare adottando le seguenti novità:

  1. a) la sostituzione della denominazione numerica delle allerte (ex Allerta 1-2) con una scala cromatica che identifica la criticità e il livello di allerta;
  2. b)  il passaggio da due livelli di Allerta (ex 1 e 2) a tre livelli (Gialla, Arancione e Rossa), con le conseguenti attivazioni pianificate e diversificate sulla base dello scenario previsto;
  3. c)   l’emissione di allerta idrogeologica per temporali a seguito della previsione in termini di probabilità di accadimento dei rovesci/temporali forti, anche organizzati e/o stazionari – l’allerta per temporali è strutturata in due soli livelli (Giallo e Arancione, quest’ultimo individuato come livello massimo per tali fenomeni) quando tali fenomeni NON sono inseriti in un contesto di piogge diffuse;

Dato atto che come evidenziato nella relazione generale del Piano di Emergenza Comunale, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 30 gennaio 2015:

  • “il territorio comunale di Chiavari è interessato da una rete idrografica articolata e complessa di cui i due elementi principali sono rappresentati dal Fiume Entella e dal Torrente Rupinaro” sulle cui piane alluvionali si è sviluppata gran parte dell’urbanizzazione;
  • “…il Comune di Chiavari rientra nella Zona di Allertamento C e che gli è stata assegnata una Categoria Idrologica III in quanto all’interno del territorio comunale sono presenti aste di torrenti riferibili a bacini di classe C (Fiume Entella), di classe B (torrente Rupinaro alla sezione di chiusura della foce), di classe A (aree scolanti e sottobacini del torrente Rupinaro) e reti idrografiche minori (ambiti urbani, canali irrigui, reti di smaltimento delle acque piovane, reti fognarie).
  • nella pratica in tale condizione si rileva che sotto il profilo idrologico, le criticità sono connesse sia a situazioni originate da eventi di precipitazione diffusa, intensa e/o prolungata (caso fiume Entella) sia a precipitazioni molto intense, concentrate e localizzate (caso Torrente Rupinaro e reti idrografiche minori).
  • in particolare si evidenzia che in situazioni di piogge diffuse, intense e/o prolungate, oltre all’esondazione del Fiume Entella, si possono verificare contestualmente esondazioni del Torrente Rupinaro e della rete idrografica minore qualora nell’ambito dell’evento pluviometrico si sviluppino celle precipitative molto intense e concentrate sull’area di Chiavari.
  • inoltre il torrente Rupinaro e le reti idrografiche minori possono determinare situazioni di criticità e di esondazione anche in occasione di singoli fenomeni temporaleschi isolati e forti rovesci molto localizzati.
  • a tale riguardo si sottolinea che la previsione spaziale e temporale (dove e quando) di fenomeni precipitativi molto localizzati (temporali, rovesci, grandinate, trombe d’aria) è attualmente alquanto incerta (fenomeni scarsamente prevedibili), in quanto le tecnologie e conoscenze odierne non permettono di raggiungere il dettaglio spazio-temporale necessario per definirne con certezza gli effetti al suolo soprattutto per i bacini di piccole dimensioni.”

 Considerato che:

  • il Prefetto di Genova con nota prot. 43465 del 22.11.2011 ha sottolineato la necessità di emanare ordinanze che riportino le norme minime precauzionali da porre in atto da parte della popolazione  nelle aree a maggior rischio;
  • la Giunta Regionale in sede di approvazione della nuova procedura operativa di “Aggiornamento del sistema di allertamento” e delle “Linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di protezione civile” assegna il Comune di Chiavari, nella zona di allertamento “C “, per quanto attiene la classificazione Nivologica definito “ costiero “ e per quanto concerne la classificazione idrologica identifica  la presenza di bacini piccoli (essendo presenti aste di torrenti che drenano aree inferiori a 15 Kmq. oltrechè piccoli rii e reti fognarie I° classe) e con la presenza dell’ asta fluviale Entella (che drena aree superiori ai 150 Kmq.  qualificato bacino grande III° Classe);
  • come anche previsto dal Piano di Protezione Civile del Comune di Chiavari, si rende necessario provvedere nel frattempo a fornire una adeguata informazione alla cittadinanza sul grado di esposizione al rischio desunto dalle mappe dei piani di emergenza, così come prescritto dall’art. 6 co. 1 lett. D) della soprarichiamata Legge Regionale 17 febbraio n. 9, nonché attivare opportuni sistemi di allerta;

Atteso che lo schema approvato dalla Regione Liguria identifica una nuova organizzazione in tre fasi operative: attenzione, pre-allarme, allarme e colori: Verde nessun allerta, livelli di ALLERTA Gialla, Arancione e Rossa che per quanto riguarda le criticità meteo-idrologiche e idrauliche del territorio evidenziano:

  • l’evento meteorologico previsto dal colore Verde nessun allerta, presenta uno scenario con assenza di fenomeni significativi prevedibili non escludendo a livello locale nel caso di rovesci e temporali fulminazioni localizzate, grandinate e isolate raffiche di vento, allagamenti localizzati e piccoli smottamenti, caduta massi con eventuali danni puntuali;
  • l’evento meteorologico previsto dall’Allerta GIALLA determina uno scenario idrologico che configura effetti al suolo localizzati di erosione e frane superficiali, ruscellamenti, innalzamento dei livelli di piccoli o medi bacini con piccole inondazioni per effetto di criticità locali, scorrimento superficiale di acque, caduta massi, scenario comunque di elevata incertezza previsionale per quanto attiene i temporali con possibili effetti dovuti a fulminazioni, grandinate, raffiche di vento. Occasionale pericolo per la sicurezza delle persone con possibile perdita di vite umane per cause incidentali;
  • l’evento meteorologico previsto dall’Allerta ARANCIONE determina uno scenario idrologico/idraulico che configura il verificarsi di fenomeni diffusi di instabilità di versante, frane e significativi ruscellamenti con trasporto di materiali, significativi innalzamenti dei livelli idrometrici dei torrenti in grado di provocare fenomeni di inondazione nelle aree limitrofe, caduta massi e interessamento degli argini con erosione delle sponde per quanto attiene i temporali con possibili effetti dovuti a fulminazioni, grandinate, forti raffiche di vento. Pericolo per la sicurezza delle persone con possibili perdite di vite umane.
  • l’evento meteorologico previsto dall’Allerta ROSSA determina uno scenario idrologico/idraulico caratterizzato da numerosi e/o estesi fenomeni diffusi di instabilità di versante anche profonda e di grande dimensione, frane superficiali e ingenti ruscellamenti con diffuso trasporto di materiali, rilevanti innalzamenti dei livelli idrometrici dei torrenti in grado di provocare fenomeni di inondazione anche in aree distanti, caduta massi e interessamento degli argini con erosione delle sponde, divagazione dell’alveo, occlusione di ponti. Grave pericolo per la sicurezza delle persone con possibili perdite di vite umane.

Ritenuto che l’informazione alla popolazione costituisca un’attività fondamentale rispetto agli obiettivi del piano di emergenza comunale, in particolare è necessario che il cittadino sia preventivamente informato sulle situazioni di rischio potenziali presenti nel territorio comunale, per cui lo stato di allerta viene pubblicato sul sito informatico del Comune e comunicato alla popolazione mediante i consueti mezzi previsti dal Piano Comunale di Emergenza quali radio, televisione, ove non già segnalato, cartelloni informativi, mezzi acustici mobili e ogni altro mezzo ritenuto idoneo;

Che conseguentemente si rende necessario adottare specifiche norme minime comportamentali quali misure precauzionali per tutta la popolazione da osservarsi  in concomitanza con l’emanazione dello stato di attenzione o allerta meteo da parte della Regione Liguria fermo restando le norme di autoprotezione per tutta la cittadinanza;

Ritenuto di rinviare a ulteriori specifici provvedimenti puntuali ove del caso, nel rispetto delle indicazioni e procedure del piano di protezione civile per quanto attiene la gestione degli altri eventi quali mareggiate, tsunami, nivologico, terremoti e quant’altro;

Ritenuto per i motivi sopraesposti che in caso di Allerta colore Arancione e Rosso, occorre limitare i disagi alla circolazione stradale nonchè procedere ad attuare alcune misure cautelative a tutela della pubblica incolumità;

Visto l’art. 54 del D.lvo 267/2000 – Testo Unico sull’ordinamento degli enti locali;

O R D I N A

  • In caso di allerta Gialla:
  • E’ sospesa qualsiasi attività in alveo o in adiacenza ai corsi d’acqua nonché qualsiasi attività su ponti e passerelle.
  • In caso di allerta Arancione:
  • E’ sospesa l’attività della Scuola dell’Infanzia dell’Istituto Comprensivo Chiavari 2, sita presso l’Istituto Assarotti in Chiavari, Corso Millo.
  • È vietata qualsiasi manifestazione ludico e/o sportiva su area pubblica.
  • Sono sospese le fiere annuali di Sant’Antonio e del 2 luglio.
  • Sono chiusi i parchi pubblici ed i cimiteri.
  • Il Sindaco valuta l’eventuale chiusura di scuole, strutture assimilabili, palestre e centri sportivi, nonché di tutte le altre attività elencate al punto successivo.
  • In caso di allerta Rossa:
  • Sono sospesi i mercati settimanali del venerdi, i mercati dell’Antiquariato, quello dei Sapori e delle Tradizioni e Mercato Damare. A tal fine gli esercenti il commercio su aree pubbliche titolari di posteggio assegnato nonché gli “spuntisti” sono tenuti al controllo degli aggiornamenti della situazione meteo attraverso gli organi di informazione ed il sito regionale del Centro Funzionale della Protezione Civile della Regione Liguria (www.meteoliguria.it – link previsioni – allerta on line), al fine di evitare di recarsi in loco.
  • Si dispone la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Nel caso in cui lo Stato di Allerta Rosso subentrasse ad attività didattica già intrapresa, i dirigenti scolastici si attiveranno al fine di garantire la sicurezza degli studenti all’interno dell’istituto, adottando le misure necessarie previste dai piani di sicurezza e provvedendo allo stazionamento degli studenti all’interno anche dopo l’orario delle lezioni, conducendoli ai piani alti ed impedendone l’uscita all’esterno, qualora l’uscita comportasse rischi evidenti seguendo rigorosamente le indicazioni del centro operativo.
  • È vietata qualsiasi manifestazione ludica e/o sportiva, anche in aree o locali privati.
  • E’ vietata qualsiasi attività agonistica o di allenamento sui campi sportivi del territorio comunale.
  • E’ vietata la sosta nei sottopassi cittadini, nonché in caso di allagamenti, anche limitati, ne è vietato il transito sia veicolare che pedonale.
  • E’ vietata qualsiasi attività nell’area compresa tra Viale Kasman ed il fiume Entella sino alla zona sottostante il viadotto autostradale e tutti i veicoli eventualmente in sosta presso tale area dovranno essere spostati: a tale scopo è consentita la sosta sulla corsia a levante della carreggiata di V.le Kasman, con direzione sud/nord.

 

  • Tutte le aree adiacenti ai corsi d’acqua sono interdette al transito anche pedonale, con particolare riferimento al Lungo Entella.
  • Limitare gli spostamenti, in particolare con veicoli, a quelli strettamente necessari.
  • Non tentare di raggiungere la propria destinazione, ma cercare riparo presso lo stabile più vicino e sicuro.
  • Astenersi da qualsiasi tentativo messo in atto per assicurare il riparo o il salvataggio di qualunque bene o materiale e trasferirsi e restare in ambiente sicuro.

Qualora l’allerta Rossa o l’evento subentrino mentre alcune attività sono in corso, le stesse vanno immediatamente sospese e le persone allontanate secondo i provvedimenti dell’Autorità Comunale, fatto salvo quanto già stabilito per gli edifici scolastici.

D I S P O N E

  1. L’immediata efficacia della presente ordinanza ai sensi dell’art. 21 bis della Legge 241/1990 e mm.ii e contestuale pubblicazione all’Albo Pretorio del Comune.

 

La presente ordinanza verrà resa nota a mezzo degli organi di stampa.

IL SINDACO (Ing. Roberto Levaggi)
alluvione rupinaro chiavari

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>