Published On: Gio, Mag 22nd, 2014

Orrenda scritta contro le donne a Riva Trigoso. Sarà cancellata dalle donne sabato 24

Sul “muro del Bagnun” di Riva è apparsa un’orrida scritta: “Donne, c… e cazzotti”. Un gruppo di donne di Sestri Levante ne ha chiesto la rimozione, altrimenti si è dichiarato disposto a farlo direttamente riverniciando il muro stesso, sabato 24 maggio.
Sarebbe preferibile che il Comune non provvedesse alla pulizia, ma che ci fosse un atto che salga dal basso, una testimonianza di civiltà contro l’inciviltà, fatta dalle stesse vittime della frase. E’ un caso di idiozia ormai troppo diffusa, ma anche di violenza non tollerabile. L’uso del termine “cazzotti” non è usuale e potrebbe connotare riferimenti politici e geografici, un’età adulta dell’autore etc. [Aggiornamento: la scritta è stata cancellata a cura dell’assessorato ai pari diritti e Servizi sociali, vedere il nostro articolo]

Sestri levante ospita altri episodi simili, anche se in tono meno volgare e violento. Ci riferiamo per esempio a una scritta “d’amore” apparsa sul muretto della salita dei Cappuccini, che sale sopra la Baia di Levante (o Portobello, o “Baia del Silenzio”), in uno dei più suggestivi scorci della Liguria.
In questo caso l’autore è palesemente un giovanotto che si rivolge alla sua ragazza per prometterle eterno amore con frasi lunghe, un poco sgrammaticate e in stile baciperugina. Probabilmente si tratta dello stesso “stilnovista” che ha imbrattato anche il muro del convento delle suore Maestre Pie, dal lato della salita ai Castelli.
Il consiglio alla malcapitata Beatrice, “amata” da un simile Dante Alighieri, è uno solo: Mollalo! Se non ha cura delle bellezze del luogo non avrà cura nemmeno delle persone vicine né di se stesso.
sestri superbella maranatha

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>