Published On: Ven, Mar 13th, 2015

Pali di ferro per indicare i sentieri del Golfo dei Poeti

UNA MALATTIA SENZA CURA

“…l’associazione Mangia Trekking continua a richiamare il Comune di La Spezia…”

 Nei giorni scorsi l’associazione dell’Alpinismo Lento era intervenuta portando all’attenzione, anche della stampa, il  particolare modo di procedere dell’amministrazione comunale spezzina, relativamente alla materia “ Sentieri ”. L’appunto avanzato dall’associazione Mangia Trekking venne giudicato così permeato nella realtà quotidiana che ne diedero risalto anche gli organi d’informazione della provincia di Genova.

Oggi l’associazione ritorna sull’argomento con una nuova osservazione. Chiamati da alcuni cittadini del quartiere di Rebocco, luogo da cui parte l’antica scalinata di Maggiano, che conduce anche nelle località di Sant’Anna, del Passo della Foce, del Vignale, in Val di Vara,  nelle Cinque Terre ecc.ecc., alcuni associati sbigottiti hanno osservato un camion, una trivellatrice e tre operai al lavoro, intenti a montare  un palo di ferro con una bandierina direzionale dei sentieri con adesivo.Quello che lasciava perplessi gli intervenuti, era che tale palo veniva applicato vicinissimo ad una bella segnaletica della medesima scalinata, esistente sul posto da tanti anni,  in una zona già molto ben segnata con materiali naturali. Le persone   inoltre osservavano che se  si voleva comunque sistemare la brutta bandierina metallica con adesivo, si potevano almeno utilizzare gli altri pali metallici presenti in loco, nelle immediate vicinanze. Allora  l’associazione Mangia Trekking interviene per informare, osserva e si domanda chi paga queste inutili opere. Quanto è costato alla comunità  sia il progetto che prevede di sistemare su tutto l’arco del Golfo dei Poeti pali di ferro con bandierine metalliche caratterizzate da  adesivo, sia la sua realizzazione. Il solito contribuente che paga inconsapevolmente.  Dove l’ambiente e il territorio verde vengono trattati come fossero  strade asfaltate. Le colline del Golfo dei Poeti sono sempre state ricche di uliveti e vigneti, quindi a parere dell’associazione, per promuovere e rispettare  la cultura  e le tradizioni delle antiche storiche scalinate che attraversano quelle colline, si devono inserire nei siti semplicemente strutture e materiali compatibili, naturali. Così  come l’associazione Mangia Trekking da tanti anni va promuovendo e realizzando. Dove anche la fantasia, il bello e lo stile, sono da intendersi valori  preziosi di un territorio.Infine l’associazione proprio per quanto riguarda l’antica storica e panoramicissima scalinata di Maggiano, evidenzia che sarebbe forse di maggior buon senso indirizzare le risorse economiche al ripristino di un incombente movimento franoso piuttosto che ad apporre pali di ferro ed adesivi.

 

Un cartello ben fatto

Un cartello ben fatto

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>