Published On: Mer, Apr 16th, 2014

Pannelli fonoassorbenti sull’autostrada A12 a Zoagli e Maxena

La posa in opera di pannelli fonoassorbenti sulle autostrade per risolvere il problema dell’inquinamento acustico prodotto dal traffico autostradale e l’installazione in alcuni tratti di pannelli non trasparenti che oscurano la vista del paesaggio sono stati al centro di due iniziative, discusse nella seduta consiliare di ieri, presentate dal Consigliere Gino Garibaldi (Ndc) (e sottoscritte anche da Franco Rocca e Alessio Saso di Ncd) che ha chiesto l’urgente messa in opera di adeguati pannelli fonoassorbenti sul Viadotto Rio Semorile di Zoagli dell’ autostrada A12.

Sarebbe anche opportuno valutare l’utilizzo di pannelli che rendano denaro, producendo energia elettrica, oltre che isolando acusticamente le valli attraversate dall’autostrada. Ne abbiamo parlato in questo articolo.

Garibaldi ha ricordato che già da molto tempo la situazione di disagio degli abitanti della zona si protrae a causa degli alti livelli di disturbo acustico prodotti dal costante e notevole flusso veicolare autostradale. Ha, inoltre, ricordato le proteste e le contestazioni seguite alla messa in opera di pannelli fonoassorbenti ciechi in altri tratti autostradali, auspicando l’opzione di barriere trasparenti, che non danneggino la fruizione della vista del paesaggio circostante sia per coloro che abitano a monte dell’autostrada che per coloro che transitano su quest’ultima.

Gino Garibaldi (Ndc) nella seconda interrogazione ha chiesto l’istallazione di pannelli fonoassorbenti adeguati anche a Chiavari nel tratto Rio Campodonico-Maxena visto che l’inquinamento acustico sta recando disagi ai residenti delle abitazioni poste nelle vicinanze dell’autostrada, chiedendo alla giunta e all’assessore competente quali siano le iniziative che l’ Amministrazione regionale intende porre in essere nei confronti della “Società Autostrade” al fine di dare soluzione a questo problema, attuando la migliore soluzione, quella dei pannelli trasparenti anche “nell’ottica di preservare, oltre che l’importante e principale aspetto acustico, anche quello paesaggistico – ambientale, che in una regione come la nostra è fonte di attrazione turistica”.  Per la Giunta ha risposto l’assessore all’ambiente, Renata Briano, ricordando che  su questa materia non c’è una specifica competenza della Regione, precisando che le opere di mitigazione acustica autostradali sono il risultato di un piano di risanamento acustico realizzato da Autostrade per l’Italia Spa. L’assessore ha quindi precisato che non esiste una specifica competenza regionale nell’avvio di eventuali procedimenti  amministrativi per integrare il piano di risanamento acustico autostradale nei tratti privi di protezione acustica o modificare le caratteristiche costruttive delle opere di mitigazione esistente. «Il settore Aria, Clima e Gestione integrata dei Rifiuti del Dipartimento Ambiente porrà, comunque, in essere le opportune iniziative – ha assicurato  –  per cercare la migliore soluzione  a queste problematiche, segnalando le criticità alla società Autostrade per l’Italia» e ha garantito l’impegno della Regione ad andare incontro alle diverse istanze.

Pannelli a Marano, autostrada del Brennero

Pannelli a Marano, autostrada del Brennero

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>