Published On: lun, Nov 26th, 2018

Paraggi di nuovo collegata alla rete gas di Santa Margherita

In occasione del sopralluogo di questa mattina sulla strada per Paraggi e Portofino, crollata a seguito della mareggiata del 29 ottobre scorso, i sindaci di Portofino e Santa Margherita Ligure hanno annunciato l’attivazione (in anticipo sui tempi in origine previsti) di un bypass temporaneo sulla rete del gas che consentirà una normale erogazione del gas alla frazione sammargheritese di Paraggi e al borgo di Portofino.

«Grazie alla collaborazione con Italgas, con il parco di Portofino e con gli uffici di Santa Margherita Ligure che ringraziamo – dicono i primi cittadini Paolo Donadoni e Matteo Viacava – possiamo garantire un normale approvvigionamento di gas senza così dover scaricare i pacchi bombola dal traghetto e trasportarli a Paraggi. Un passo in più verso la normalità di quelle zone isolate che attendono il ripristino totale della strada, ribadito ancora questa mattina da Regione Liguria e Città Metropolitana entro Pasqua 2019».

Tecnicamente si tratta di una conduttura provvisoria che, partendo dalla Cervara, corre a monte della strada e si riallaccia alla rete a Paraggi. Resterà in funzione per circa 6 mesi.

CONVENZIONE PER LO SCOLMATORE DI SANTA MARGHERITA LIGURE
La realizzazione del canale scolmatore di Santa Margherita Ligure – opera i cui fondi, 33 milioni di euro, sono stati stanziati dallo Stato e che, una volta realizzata, azzererà il rischio idrogeologico della città – è sempre più vicina.

Oggi a Villa Durazzo c’è stata la firma del Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – in qualità di Commissario straordinario delegato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri –  e il Sindaco di Santa Margherita Ligure Paolo Donadoni, della convenzione per la realizzazione del progetto esecutivo dell’opera. In sintesi, questo documento attribuisce al Comune di Santa Margherita Ligure l’incarico di realizzare il progetto esecutivo per la cui stesura grazie all’aiuto della Regione Liguria nelle persone del Presidente Toti e dell’assessore Giampedrone è stata messa a disposizione  la somma di 621.148,50 euro sul fondo progettazioni contro il dissesto idrogeologico  del Ministero dell’Ambiente.

L’opera prevede una galleria sotterranea di quasi 2,4 km che attraversa l’abitato cittadino da dietro il campo sportivo fino a punta Pedale; il tunnel intercetterà le acque dei torrenti San Siro e Magistrato. Sono previste due opere di presa, una per ogni torrente (la prima dalle briglie del campo sportivo, la seconda nella zona dell’eco centro).

Attualmente tutto l’abitato compreso tra il campo sportivo e il lungomare tra piazza V. Veneto e  il Castello cinquecentesco è zona rossa; grazie allo scolmatore il rischio idrogeologico sarà praticamente azzerato.

P. Ezzis: Paraggi