Published On: Mer, Dic 7th, 2016

Parchi Liguri, proteste dei partiti: “2 milioni sono pochi”. Sbagliano tutti

Soltanto due milioni per i parchi liguri, questo ha deciso la giunta regionale della Liguria.
Due culture si scontrano, e qui non c’entrano pentastellati destra o sinistra. Si tratta però di capire quale sia la scelta migliore.
A nostro avviso sbagliano tutti: sbaglia il governatore Toti, perché i parchi liguri hanno comunque una certa importanza per il turismo.
Sbagliano il PD e M5S, perché non tutti parchi liguri funzionano allo stesso modo:
– vi sono parchi che -anche grazie a dirigenti poi crocifissi (perché viviamo nell’Italia mediorientale, non nell’Europa liberale)- sono diventati una grande fonte di ricchezza per il territorio circostante e per tutta la Liguria. Pensiamo per esempio a quello delle Cinque Terre. Quei parchi meritano di più.
– vi sono invece parchi che sono diventati il solito cenacolo di piccoli poteri, con distribuzione di poltrone, poltroncine, sedie e sgabelli. Quei parchi non meritano nulla.  Anzi, sarebbe bene che quei finanziamenti andassero a territori che non sono parco, per esempio a tutta la val di Vara, che va avanti da sola e senza elargizioni. Per non parlare della altre zone verdi e rurali della Liguria, abbandonate senza un euro.

La cultura del finanziamento a pioggia è un errore delle sinistre -che le sinistre purtroppo pagano caro alle elezioni-. Lo stesso errore viene comunque fatto anche a destra, e dal M5S, che ha fortemente protestato contro la decisione della Regione Liguria. 
Si tratterebbe quindi di riconsiderare non tanto la cifra quanto la distribuzione dei finanziamenti regionali con criteri meritocratici. Non chiediamo che l’ente della val d’Aveto (che citiamo per fare un nome, ma che è senza colpa) produca ricchezza come il parco Yellowstone negli Stati Uniti. Vorremmo però che il management, il personale, la cultura, il marketing, le iniziative etc. andassero verso Yellowstone invece che verso il Mar Morto (anch’esso citato per il nome, non per la sua altissima redditività).
La Giunta Toti non ha raccolto l’urlo di dolore di Federparchi: il finanziamento regionale basta soltanto a pagare gli stipendi e le strutture, ma rende le aree verdi sostanzialmente inattive”. A dirlo sono i consiglieri regionali del Pd Pippo Rossetti, Luca Garibaldi, Raffaella Paita e Juri Michelucci a margine della Commissione di bilancio odierna.
Cinque terre stato_sentieri