Published On: Lun, Mar 26th, 2012

Pass disabili: presentati stamani i dispositivi intelligenti

SESTRI LEVANTE. Niente piùì occupazioni abusive dei parcheggi per disabili. Questo grazie ad un innovativo dispostivo il cui funzionamento è stato illustrato sul campo oggi lunedì 26 marzo in piazza Bo, alla presenza dell’assessora provinciale Milò Bertolotto, di alcuni assessori comunali e del sindaco di Sestri Levante Andrea Lavarello, del presidente di Atp Livio Ravera, del segretario della Consulta Handicap regionale Claudio Puppo, del rappresentante della Consulta Handicap di Genova Alessandro Puppo e l’amministratore di Volocard Franco Oliveri (vedi questo articolo). Nella centralissima piazza della bimare alcuni mesi fa erano stati interrati un paio di dispositivi radio in grado di rilevare lo stato libero/occupato dei parcheggi per diasabili. I snsori, grazie ad un gateway alimentato da un pannello solare trasmettono in tepo reale ad un centro di controllo i dati sullo stato di occupazione del posto macchina e sulla presenza o meno a bordo del veicolo di un reader elettronico che attesta l’autorizzazione. Una dozzina circa i cittadini disabili coordinati dalla consulta Handicap e coinvolti nella sperimentazione: a loro il Comune ha fornito il chip da posizionare sul veicolo affinchè possa interagire con i sensori a terra al momento della sosta. “Tree sono le esifgeze che si vogliono sodisfare con questo progetto – spiega il direttore dei sistemi infomativi della provincia di Genova Bruno Cervetto – dare piena fruizione del diritto di sosta ai disabili, favorendo la loro mobilità sul territorio; tutelare maggiormente il diritto di sosta nelle aree riservate e informare in tempo reale sia le aree disponibili per il parcheggio che gli abusi alle autorità”. Un sistema che non è unico al mondo ma che sicuramente consentirà di contenere i costi i gestione: “la colonnina contenente il gateway si alimenta con un pannello ad energia fotovoltaica, senza neanche il bisogno di fare scavi per il passaggio dei cavi, mentre i sensori sono dotati di una batteria della durata di circa due anni – ha spiegato l’amministratore di Volocard Franco Olivieri – il chip è legato alla persona, non è cedibile e in caso di permesso temporaneo esso decade automaticamente con la decadenza del permesso di parcheggiare nelle aree riservate ai disabili. Dietro a questo sistema esiste infatti un’anagrafe simile a quella già attiva per i residenti e grazie alla presenza del microchip viene scongiurata qualsaiasi possibilità di clonazione o contraffazione”. “Al momento non sappiamo se il servizio potrà essere potenziato – ha commentato l’assessore comunale alla viabilità Massimo Bixio – per ora i dispositivi restano legati ai parcheggi del Comune ma sarebbe un grande passo avanti se il sistema venisse esteso a livello nazionale”.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>