Published On: Ven, Apr 26th, 2013

Pd e Pdl accusano l’Amministrazione Costa di dilettantismo

Consiglio comunale bilancio desertoRAPALLO. Approderà definitivamente in aula alle ore 17 di domani pomeriggio la discussione sul rendiconto di bilancio 2012 . Il Presidente del Consiglio Capurro ha rettificato oggi, inviandone urgentemente notifica a tutti i Consiglieri, la data di seconda convocazione del parlamentino rapallase dopo che il primo appuntamento utile per l’approvazione del bilancio era stato disertato dalla maggioranza.

Veementi tuttavia le opposizioni, dal Pd al Pdl, che lasciano presagire per domani un’aspra battaglia.

“Quando l’incapacità incontra la disorgarganizzazione il risultato non può che essere che una serie infinita di figuracce – commenta il coordinatore cittadino del Popolo della Libertà Domenico Cianci nel contestare una gestione approssimativa del Comune da parte del Sindaco e della sua squadra – Un modo di fare che discredita la città, e i suoi cittadini, ancor più della spazzatura in strada o delle innumerevoli buche. Sul bilancio consuntivo la maggioranza ha fornito I’ennesima prova della sua inadeguatezza. Una serie di giochini, ripicche e marce indietro, che stridono con chi, a più riprese, dichiara di “lavorare per il bene di Rapallo”.

“Dal plenipotenziario Sindaco – conclude il Pdl – ci aspettiamo, più che un cambio di passo, un cambio di rotta, inevitabile per portare la barca lontano da quelle acque paludose che le sue dissennate scelte hanno avvicinato pericolosamente“.

E’ focalizzata invece sugli errori procedurali  la nota diramata oggi dal coordinamento del Pardtito Democratico rapallese: “Dopo aver convocato un Consiglio Comunale importante in una data sbagliata e aver detto di averlo mandato deserto per la mancanza di due Consiglieri di maggioranza, ecco che anche la seconda convocazione avviene in data errata – scrive il coordinatore Mauro MeleEppure bastava leggere l’Art. 10 del Regolamento delle sedute Consigliari. Stiamo parlando dell’ABC che un normale Presidente di Consiglio conosce certamente a memoria non di regolamenti complessi come il TUEL di cui spesso il Presidente del Consiglio dispensa lezioni ai suoi”.

“O siamo di fronte a un ennesimo clamoroso errore di lettura dei regolamenti, un ennesimo esempio di improvvisazione dilettantesca, o siamo di fronte a un diabolico piano, ben orchestrato (sventato dalla Prefettura) per fare cadere questa giunta in maniera decisamente poco democratica” – prosegue Mele.

Giulio Andreotti soleva ripetere che a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca ma il Pd propende per la prima ipotesi (“non è la prima volta che questa amministrazione inciampa in questi intoppi regolamentari”).

“Allora Signor Sindaco – conclude Mauro Mele – a questo punto lei, ovviamente, ci da la garanzia assoluta che nella prossima seduta saranno tutti presenti? Perché se così non fosse ci sentiremmo presi in giro, e magari anche lei stesso prova questo sentimento”.

rettifica Consiglio Comunale

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>