Published On: Mar, Ott 25th, 2016

PD Regione Liguria: la giunta spende 26 milioni per la “reggia” di piazza de Ferrari

Duro comunicato del PD regionale a proposito dell’assestamento di bilancio attuato dal governatore Toti. Uno dei punti di critica riguarda la sede di piazza de Ferrari, nel centro di Genova. Caro, inutile e a scapito di investimenti sul territorio e lo sviluppo: 26 milioni per la “reggia” e solo 1,5 per la difesa del suolo, aggiunge il Pd.
Il governatore Toti ha replicato così:

“La reggia non è la reggia di Toti. E’ stata la reggia di Burlando e del Pd per una decina di anni e il Pd nemmeno ha pensato ad acquistare con un mutuo come fanno tutte le famiglie italiane ma ha pagato un affitto di un milione e mezzo di euro per dieci anni senza lasciare nulla alla collettività. L’eventuale acquisto costerà comunque meno dell’affitto attuale. Lo si poteva fare dieci anni or sono.

Ecco il comunicato del PD:

Con un disavanzo sanitario in crescita e l’occupazione in calo – a partire dal primo semestre di quest’anno in Liguria i posti di lavoro sono diminuiti – ci saremmo aspettati dalla Giunta Toti una manovra espansiva, in grado di rilanciare l’economia del territorio. E invece, leggendo l’assestamento di bilancio preparato dall’amministrazione di centrodestra, siamo di fronte all’esatto contrario: una manovra depressiva, che contiene soltanto tagli e che è tutta ripiegata sull’effimero e l’apparenza. Il documento prodotto dalla Giunta Toti infatti si concentra quasi esclusivamente sull’acquisto della reggia di piazza De Ferrari, che la precedente amministrazione aveva deciso di abbandonare per ridurre i costi. Del debito di ben 62,5 milioni di euro (un’enormità) contratto dalla Giunta di centrodestra, ben 26 milioni – di cui gli ultimi 11 solo in questo assestamento – servono proprio per comprare questo palazzo. Avremmo capito se si fosse trattato di una casa della salute o di un nuovo ospedale, ma spendere così tanto e in un momento talmente difficile per soddisfare il bisogno di apparenza di Toti, ci sembra un’assurdità. Questa decisione però, purtroppo, va di pari passo con l’aumento vertiginoso delle spese di rappresentanza, con l’incremento delle auto blu, con il proliferano degli incarichi direttivi e con la moltiplicazione delle poltrone e – con tanto di proposta di istituire i sottosegretari – che stanno caratterizzando l’era Toti in Regione.

A fronte di queste spese, nell’assestamento di bilancio si tagliano tantissimi servizi e settori (dai parchi allo sport) e si investe molto poco. Per fare un esempio viene stanziato soltanto un milione di euro per i piccoli Comuni e appena un milione e mezzo per la difesa del suolo. Tutto questo, lo ricordiamo, a fronte di 11 milioni spesi per la sfarzosa sede della Giunta.

Scendendo nei particolari, in quest’assestamento si tagliano le risorse ai parchi (almeno 450 mila euro) e al sociale, un settore, quest’ultimo, in cui i progetti che vengono finanziati sono sempre gli stessi del passato, e cioè quelli pensati ed elaborati dal centrosinistra. Anche lo sport viene pesantemente penalizzato, visto che all’impiantistica sono stati assegnati solo 800 mila euro: decisamente troppo poco.

Insomma in quest’assestamento non c’è un’idea – neppure i punti fissati nella legge sulla crescita un anno fa trovano riscontro – e vengono a mancare grandi risorse. In compenso però ci si indebita per comprare una bella sede alla Giunta.
Gruppo Pd in Regione Liguria

regione liguria piccolo

Palazzo Regione Liguria

Palazzo Regione Liguria, piazza de Ferrari