Published On: Gio, Dic 19th, 2019

Pesca, bando FEAMP assegna 43mila € alla coop Pescatori di Camogli

43mila euro a favore della Cooperativa Pescatori Camogli per la realizzazione di un nuovo impianto di trasformazione del pescato. A stanziarli con bando Feamp l’assessore regionale alla Pesca, Stefano Mai.

“Con questo stanziamento andiamo a rendere possibile la realizzazione di un impianto fondamentale per la Cooperativa e per la Tonnarella – spiega l’assessore Mai -. Tramite la misura 1.42, finanziamo 43mila euro di un progetto complessivo da 54mila che permetterà di raggiungere l’importante obiettivo di trasformare il pescato”. 

“Fino a oggi per la Cooperativa l’unico sbocco commerciale era rivendere tutto il pesce, con questo nuovo impianto potrà lavorarlo direttamente, diversificando l’attività. In questo modo sosteniamo una realtà storica, unica in Liguria e fra le poche in Italia”.

“Ricordo che nel corso del 2016 la Tonnarella era stata pesantemente danneggiata per cause ancora oggi da chiarire. La situazione era ulteriormente peggiorata a seguito della mareggiata dell’ottobre 2018. I due eventi avevano seriamente compromesso la vita della Cooperativa stessa. Dialogando con i pescatori che per primi si sono impegnati con tutte le loro forze per salvare la Tonnarella, mi sono fatto immediatamente carico della questione, poiché era per me impensabile perdere un pezzo di storia, cultura ed economia così importante sul nostro territorio. Ho subito provato a interpellare, sia il Ministero delle Politiche Agricole e della Pesca, sia il Ministero dell’Ambiente, purtroppo i risultati sono stati negativi. Tuttavia non mi sono dato per vinto. Come Regione abbiamo messo in campo tutti i fondi disponibili per i risarcimenti alle imprese colpite dalle calamità del 2018. Come assessorato alla Pesca ho attivato immediatamente i bandi Feamp per dare la possibilità a tutte le imprese liguri di poter disporre di risorse necessarie alla ripresa delle attività. Ora posso finalmente affermare che Regione Liguria sta contribuendo in maniera sostanziale alla salvezza di questa realtà storica”.

“La lavorazione del pescato permetterà di uscire dalla logica della stagionalità, garantendo soprattutto un profitto maggiore per la Cooperativa. Con questo finanziamento, dunque, il nostro primo obiettivo e supportare il mantenimento dei livelli occupazionali della Cooperativa, ma puntiamo anche al potenziamento dei posti di lavoro”.

“Ringrazio l’Area marina protetta di Portofino che ha collaborato a questo importante risultato”.