Published On: Mer, Feb 20th, 2013

Piccola analisi elettorale

Era Jean Baudrillard a sostenere che il Paese più americano del mondo non sono gli USA, ma l’Italia che -secondo il filosofo francese- è la nazione che funge da laboratorio politico planetario. Ma se l’Italia fosse davvero un’anticipazione degli Stati Uniti allora James Surowiecki, editorialista di tendenza liberal del New Yorker, del New York Times e del Wall Street journal, dovrebbe suicidarsi. Il suo libro di successo La Saggezza della folla si basa sulla tesi che le masse hanno sempre ragione nell’intuire la risposta giusta, dal pubblico di Chi vuol essere milionario al marketing.
La Folla italiana smentisce Surowiecki: ha creduto alla favola della Lega liberale e federalista, mentre Bossi era nazionalista e antimercato. La massa si schiera dalla parte del più forte, non del migliore: aveva ragione l’Ortega y Gasset della Ribellione delle masse.
Temiamo che ancora una volta, invece dei ragionamenti, prenderanno il volo i risentimenti contro tutto e tutti. La cosa è persino commendevole, a patto che non ci porti verso nuove isterie di massa o allo sfascismo.
Il lettore mediti sulle parole “a patto che”.

Caribou, Maine, 1940
Caribou, Maine, 1940

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>