Published On: Sab, Mar 16th, 2013

Piero Grasso è il nuovo presidente del Senato

palazzo madamaROMA. Piero Grasso si aggiudica il ballottaggio contro lo sfidante Renato Schifani che sale tra i banchi del centro sinistra per stringere la mano all’avversario. Con la nomina della seconda e terza carica dello Stato vengono così posti i primi tasselli della XVII legislatura.

Nella sua corsa alla presidenza di palazzo Madama, Grasso ottiene 14 voti in più rispetto a quelli garantiti dalla sua coalizione. Si palesa tuttavia un clima di forte incertezza politica: i 137 voti ricevuti dal neo presidente non basterebbero infatti a garantire la fiducia al prossimo Governo.

Prima spaccatura tra i 54 senatori del movimento cinque stelle. Alcuni esponenti disattendono l’indicazione di votare scheda bianca, emersa a maggioranza al termine di una vibrante assemblea, rivendicando la libertà di scelta personale; alcuni votano inutilmente il proprio candidato. Indicazioni di scheda bianca anche per scelta civica, mentre i senatori a vita Andreotti e Ciampi non hanno espresso il loro voto al ballottaggio. Al termine dello spoglio risultano tuttavia 52 schede bianche e 7 nulle (voti attribuiti ad Orellana), un numero ben distante dai 75 senatori che costituiscono la somma di montiani e cinquestelle.

Silvio Berlusconi è stato contestato da alcuni manifestanti prima del suo ingresso a Palazzo Madama. In aula invece alcune contestazioni procedurali con il senatore leghista Roberto Calderoli, appoggiato dal collega Pdl Nitto Palma, che chiede di computare anche le schede bianche per il calcolo della maggioranza. Secca replica del presidente pro tempore del Senato Emilio Colomborto: “il richiamo al regolamento non può essere accolto”.

Esprimi la tua opinione su Tigullio News

Nota bene: Il tuo voto è anonimo. La presente manifestazione di opinione non ha valore scientifico.

[poll id=”7″]

[poll id=”6″]

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>