Published On: lun, Gen 8th, 2018

Piogge intense e allerta meteo nel Tigullio e in Liguria

Prosegue la stagione delle piogge in Liguria, dopo oltre un anno di siccità. La stagione autunnale e invernale ha portato sul Tigullio e in Liguria una “classica” situazione meteo, con piogge diffuse e diverse ondate di maltempo. Sempre meglio delle micidiali ondate di gelo che hanno colpito il Nord America (neve in Florida, come succede regolarmente ogni 35 anni circa) e il nord Europa, fino a Spagna e Francia e alla zona alpina dell’Italia. Si segnalano -39° in Svezia nella settimana di Capodanno.
Ecco l’allerta meteo per la Liguria diffusa da ARPAL

La scansione oraria e per zone viene, pertanto, così aggiornata:

ZONA A: ALLERTA GIALLA su tutti i bacini FINO ALLE 12 DI MARTEDI’ 9 GENNAIO

ZONA B: ALLERTA GIALLA su tutti i bacini DALLE 12 DI OGGI FINO ALLE 12 DI  MARTEDI’ 9 GENNAIO

ZONA C: ALLERTA GIALLA sui bacini piccoli e medi DALLE 18 DI OGGI ALLE 8 DI  MARTEDI’ 9 GENNAIO. Criticità verde sui bacini grandi.

ZONA D: ALLERTA GIALLA su tutti i bacini FINO ALLE 12 DI MARTEDI’ 9 GENNAIO

ZONA E: ALLERTA GIALLA sui bacini piccoli e medi DALLE 18 DI OGGI ALLE 8 DI MARTEDI’ 9 GENNAIO. Criticità verde sui bacini grandi

Ecco il dettaglio della zona di allertamento del territorio ligure:
A: Lungo la costa fino a Noli, l’intera provincia di Imperia, la valle del Centa;

B: Lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno;

C: Lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Valfontanabuona e Valle Sturla;

D: Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida;

E: Valle Scrivia, Val d’Aveto e Val Trebbia.

SITUAZIONE: le precipitazioni attese sul Ponente della regione come persistenti, finora, hanno determinato cumulate di 14.2 millimetri a Verdeggia nell’imperiese e di 10.2 a Calizzano (Savona, dati delle ore 11.15). I valori di pioggia cumulati sul lungo periodo risultano, dunque, meno rilevanti rispetto a quanto previsto soprattutto per quanto riguarda la zona A. Resta, invece, alto il rischio di temporali forti su tutta la regione; il periodo più instabile, legato al passaggio del fronte vero e proprio, è atteso tra la sera e la prossima notte. Le precipitazioni proseguiranno, in modo meno intenso, anche nella giornata di domani. Da segnalare anche un aumento del moto ondoso fino a molto mosso o solo localmente agitato mentre in giornata i venti rinforzeranno fino a forti con raffiche di burrasca (in serata da Sud Est, poi da Sud Sud Ovest). Di seguito il quadro previsionale per le prossime ore e per i prossimi giorni:

LUNEDI’ 8 GENNAIO: L’arrivo di una perturbazione dal Mediterraneo Occidentale è associato a piogge e temporali in intensificazione dal pomeriggio con cumulate tra significative ed elevate e intensità fino a forti su ABD. Alta probabilità di temporali forti e organizzati su ABCDE. Venti in rinforzo fino a forti dai quadranti meridionali su BCE con raffiche di burrasca (80-90 km/h) in serata, inizialmente moderati o forti settentrionali su AD in rotazione dai quadranti meridionali in serata. Mare localmente agitato.

MARTEDI’ 9 GENNAIO: Nelle prime ore ancora precipitazioni diffuse anche a carattere temporalesco, di intensità forte su BDE e moderata su AC. Cumulate significative su ABE, elevate su D. Alta probabilità di temporali forti e organizzati. Dalla tarda mattinata tendenza ad attenuazione dei fenomeni, tuttavia saranno ancora possibili rovesci sparsi o isolati temporali fino a moderati. Venti localmente forti (40-50 km/h) dai quadranti meridionali, rafficati nelle prime ore e in occasione dei temporali. Mare localmente agitato, con moto ondoso in graduale calo.

MERCOLEDI’ 10 GENNAIO: L’insistenza di un debole flusso meridionale determina ancora la possibilità di piovaschi sparsi e qualche rovescio, in particolare su BC.

Mare e cielo blu pioggia (Maranathà photography)