Published On: Gio, Apr 3rd, 2014

Presentato lo studio di fattibilità per la Strada Provinciale 523

presentazione progetto Sp 523SESTRI LEVANTE. E’ stato presentato ieri sera al Centro Giovani Casette Rosse lo studio di fattibilità che “Infrastrutture Liguria” ha realizzato per conto della Regione con lo scopo di migliorare la viabilità della Sp 523. L’assessore regionale alle infrastutture Raffaella Paita ha dato ora un mese di tempo ai sindaci delle Amministrazioni comunali coinvolte (Sestri Levante, Casarza Ligure, Castiglione Chiavarese, Maissana, Carro, Varese Ligure) per esaminare la documentazione e fare le necessarie valutazioni. “L’obiettivo dello studio, fortemente voluto dai Comuni coinvolti, ha lo scopo di rendere realizzabile, a stralci, un progetto che, globalmente, è sempre rimasto irrealizzabile: rendere la Sp 523 più sicura e scorrevole, eliminando tortuosità, restringimenti e attraversamenti nei centri abitati, utilizzando meno risorse possibili – ha spiegato Paita -. Dal 2001 la strada è stata devoluta da Anas alla Provincia: stiamo cercando di riparare a questo grave errore, che risale a quando ancora si pensava che i finanziamenti statali fossero costanti e frequenti per la manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture”. L’assessore da mesi sta cercando di ragionare con Anas affinchè riprenda sotto la sua giurisdizione alcune strade provinciali, tra cui la Sp 523, ma il parere finora è stato negativo. “In caso Anas un domani accettasse la nostra proposta, lo scenario cambierebbe ulteriormente – ha aggiunto l’assessore -. Nel frattempo, avviamo questo percorso di condivisione della proposta progettuale, che al momento vuole essere solo un’idea, con le Amministrazini coinvolte, in modo tale da avere al più presto un progetto da utilizzare per reperire le risorse necessarie a realizzare gli interventi, suddivisi in piccoli stralci affinchè siano più facilmente finanziabili, ad esempio mediante inserimento nella prossima programmazione Fas”.

Per Sestri Levante, lo studio di fattibilità prevede la realizzazione di connettere lo svincolo autostradale con una grande rotonda in località Sara, collegata a quella più piccola e già esistente all’incrocio tra via Primi e via Paggi, da cui si snoderebbe una strada a doppia corsia, della larghezza di sei metri circa, che correrebbe sotto il viadotto autostradale, fiancheggiando l’area del parco, attraversando il Petronio con un ponte della lunghezza di 70 metri circa, per poi attraversare la zona Pestella e andare a innestarsi nella variante alla Sp 523, in territorio casarzese, all’altezza dei primi capannoni dell’area artigianale. L’obiettivo è quello di bypassare il centro abitato di via Sara, alleggerendo il traffico: “Questa soluzione accantonerebbe un progetto anteriore, che prevedeva di creare un tunnel per collegare lo svincolo autostradale con l’innesto della variante – ha spiegato l’architetto Giovanni Battista Poggi -. Una soluzione di minor impatto ambientale, che non intacca la superficie del parco di via Sara e che risulterebbe facilmente finanziabile anche a livello regionale”.

studio di fattibilità Sp 523 nel Comune di Sestri Levante

Per Castiglione Chiavarese sono tre gli interventi individuati per migliorare la sicurezza e la scorrevolezza della Sp 523; si tratta di due interventi localizzati, destinati cioè a risolvere i problemi di traffico che insistono su alcuni centri abitati, e uno più corposo, che prevederebbe una variante. Se in località Casali è previsto un semplice allargamento della carreggiata, a Castiglione Chiavarese, in via Canzio (pochi metri dopo il bivio per località Pontano), laddove qualche settimana fa si era riversata una frana, in alternativa all’allargamento della strada è previsto un primo tunnel che andrebbe a sbucare poco prima del campo sportivo comunale. Un secondo tunnel sarebbe previsto a Missano, con imbocco nei pressi della cappella di località Cornabecco e uscita pochi metri dopo il cimitero della frazione; alternativamente, una strettoia verrebbe eliminata all’interno del centro abitato di Missano mediante abbattimento di una abitazione.

Studio di fattibilità Sp 523 Comune di Castiglione Chiavarese

Per il sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio siapre una nuova fase di confronto e partecipazione con la cittadinanza: “Apprezzo che si intenda partire da una programmazione preliminare, su cui sindaci e cittadini possano ragionare insieme per arrivare ad una soluzione condivisa – ha detto Ghio -. Mi riservo quindi di ragionare con l’Amministrazione e con la città sul progetto nei suoi dettagli, e sull’impatto che esso potrebbe avere sul territorio”. Più scettico il sindaco di Casarza Ligure, Claudio Muzio: “La progettazione doveva prevedere da principio che la variante da Casarza Ligure proseguisse dritta sulla sponda sinistra del Petronio, per poi andare ad innestarsi con via Bruno Primi, anzichè concepirla così come appare oggi – ha commentato Muzio -. Il primo stralcio del secondo lotto dei lavori per ultimarla è in stazione unica appaltante, già finanziato ma in attesa di assegnazione dei lavori; il secondo stralcio è attualmente bloccato a causa del ricorso al Tar di alcuni residenti, che invocano maggiore sicurezza ma, allo stesso tempo, si sono detti contrari all’allargamento della strada. Non dimentichiamo che permangono una serie di criticità, prima tra tutte la presenza di una cabina dell’Enel che riduce notevolmente la visibilità per chi da Francolano scende verso la rotonda da cui si dipana la variante, manufatto che insiste sul territorio del Comune di Sestri Levante e che mi auguro venga inserito tra le priorità in caso di intervento”.

Displaying 2 Comments
Have Your Say
  1. Gatto nero ha detto:

    Caro Assessore, le elezioni sono incombenti!
    Come al solito si vogliono fare le nozze con i fichi secchi.
    Non contenti in Regione,dopo varie promesse, si fa il tunnel che dalla Fontanabuona porta a Rapallo o la Gronda di Genova ed altre cose da definire. Non soddisfatti,dopo le malefatte che vengono fuori dalla Regione Liguria, come del resto da tutte le Regioni d’Italia salvo qualcuna. Ora si attacca con la Strada Provinciale 523. Sentite cosa si è prefisso l’Assessore Regionale:” omissis… rendere la Sp 523 più sicura e scorrevole, eliminando tortuosità, restringimenti e attraversamenti nei centri abitati, utilizzando meno risorse possibili – ha spiegato Paita – omissis…”. Cosa si deve eliminare in questo percorso? Per come si dovrà fare è meglio che l’assessore lo spieghi più compiutamente. Con questa burocrazia e la mancanza di liquidi,campa cavallo! Di quello che sto per dire me ne vergogno,ma ha ragione Grillo, i politici o politicanti che dir si voglia,TUTTI A CASA!

  2. roberto tagliati ha detto:

    Le dietrologie non servono, con le esigenze dei cittadini si fanno sempre i conti, in tutti i comuni. La collaborazione tra comuni, pur restando complicate, esistono da sempre, occorre la volontà e la determinazione del comune che ha un’urgenza nell’interesse dei propri cittadini; devo prendere atto che Sestri Levante, in questo, è maggiormente sul pezzo.

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>