Published On: sab, Nov 10th, 2018

Presepi in Fontanabuona: il concorso sarà organizzato da diverse associazioni

Ha rischiato di fare la fine di altre iniziative e di altre realtà della Fontanabuona il tradizionale “Concorso Presepi”, nonostante che lo scorso anno avesse potuto festeggiare il suo trentesimo compleanno. L’agenzia di sviluppo Gal Genovese, che ne aveva assicurato la sopravvivenza dopo l’abolizione della Comunità Montana, ha infatti rinunciato ad organizzarlo a causa delle difficoltà economiche e della “necessità – come ha comunicato la neo-presidente Alessandra Ferrara – di concentrare l’impegno su attività che permettano di garantire l’avvenire del Gal“. Anche la recente chiusura dell’ufficio di Gattorna e il trasferimento del personale nella sede di Genova hanno influito su questa decisione, che proprio per questo non è giunta del tutto inattesa, tant’è vero che presso il Lascito Cuneo di Calvari si è tenuta, alcune sere fa, una riunione per verificare la possibilità di portare avanti l’iniziativa. Il GAL sembra un organismo non in grado di governare l’entroterra del Levante
Non solo per questo caso, ma in generale, sarebbe opportuno valutare la formazione di una Agenzia di Sviluppo Locale per tutto l’entroterra del Tigullio, dalla Fontanabuona e val d’Aveto fino alla Graveglia, alle valli di Sestri Levante e Casarza e all’alta val di Vara. L’offerta turistica sarebbe eccellente, e -inoltre- l’unione fa la forza. Sempre che non ci si voglia accontentare… e sempre che non ci si affidi alla burocrazia degli Enti già esistenti (per esempio i parchi), ma alle associazioni e a persone non solo “di buona volontà”, ma anche capaci e politicamente indipendenti.

La dichiarata disponibilità di uno sponsor che si è impegnato a sostenerla con un contributo (“lo faccio volentieri perchè la Fontanabuona ha bisogno anche di questa manifestazione” è stato il suo commento)   consente pertanto di annunciare che il “Concorso Presepi” si farà.  A organizzarlo saranno alcune associazioni, tra cui “Colombo Fontanabuona 2000”, che lo ideò nel 1988 e ne curò l’organizzazione per moltissimi anni, affiancata dall’associazione culturale “il Piffero” di Cicagna e dalle Pro Loco di Uscio e San Colombano Certenoli. Il coordinamento sarà assicurato dal Centro culturale del Lascito Cuneo, che sarà il punto di riferimento per quanti si impegneranno ad allestire i presepi. Questo è l’indirizzo e-mail (info@lascitocuneo.it) e questi sono i numeri telefonici: 0185.35.81.19 oppure cell. 340.6997768. Il Lascito Cuneo ci sembra essere una struttura guida in grado -se potenziata- di assumere un ruolo guida per la costituzione di un GAL del Tigullio e valli...

A questo annuncio che viene diramato attraverso i mezzi di informazione farà seguito il contatto diretto con chi ha partecipato al concorso lo scorso anno, ma la possibilità di aderire è ovviamente estesa non solo ai gruppi che fanno capo alle parocchie ma anche alle associazioni o ad altri soggetti (come ad esempio la Croce Rossa) a condizione che il presepe venga allestito in locali aperti al pubblico e rientri nel territorio della Val Fontanabuona, compreso il comune di Carasco, e dei comuni limitrofi di Bargagli, Avegno, Uscio, Leivi e Cogorno.

Le norme che disciplinano la partecipazione sono quelle consuete: che il messaggio del Presepe sia chiaro e   comprensibile e ne interpreti lo spirito e la formula originari, e che sia visitabile quanto meno nei pomeriggi dei giorni festivi e prefestivi.

Lo scopo della manifestazione resta sempre quello enunciato fin dalla prima edizione: riaffermare la tradizione cristiana del Presepe mettendone in risalto anche gli aspetti culturali, contribuire a far conoscere le tante belle chiese della vallata, far apprezzare il fascino invernale della Fontanabuona nel clima gioioso delle festività natalizie. Al Concorso si affiancheranno altre iniziative (concerti, cori, presepi viventi, mostre) che saranno organizzate in vallata.