Published On: Mer, Ott 28th, 2015

Prestiti INPS: ecco i dati del Bilancio sociale 2014

L’INPS ha da poco presentato il Bilancio sociale per il 2014, lo strumento che fornisce un rendiconto preciso e dettagliato della missione di INPS, sottolineando i risultati ottenuti, ma anche ribadendo i progetti in itinere per quanto riguarda tutta la sfera della previdenza sociale.
Il primo dato che emerge è che quelli che una volta erano prestiti gestiti dall’Inpdap, ora prestiti INPS, nonostante la riduzione dei beneficiari dai 90.961 del 2013 agli 84.584 del 2014, rappresentano ancora una colonna portante dell’offerta dell’Istituto.


L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha infatti affrontato, per il 2014, una spesa di 790 milioni di euro per i piccoli prestiti INPS, un buon risultato se rapportato alla diminuzione di cui paralvamo prima, anche se il dato assoluto è matematicamente una riduzione dell’8,5%.

Bilancio INPS 2014: le prestazioni assistenziali

Per quanto riguarda il valore complessivo delle prestazioni assistenziali erogate, nel 2014 si è registrato un dato di oltre 25miliardi di euro in uscita, una crescita di quasi l’1% rispetto al 2013, anno in cui l’INPS ha segnalato un rosso di 12,8 miliardi di euro, “ridimensionato” a 12,48 miliardi nel 2014.

Oltre ai prestiti, abbondantemente citati precedentemente, tra i prodotti più importanti erogati in favore delle famiglie italiani dei dipendenti e dei pensionati statali, ci sono pensioni sociali, assegni e vitalizi, che hanno segnalato una crescita del 1,2% e tutte le azioni di previdenza sociale per anziani e giovani.
Gli interventi a favore dei pensionati sono stati incrementati del 148% rispetto al 2013, forti dell’aumento dei beneficiari dell’11,5% e, gli interventi destinati ai giovani, classe su cui l’INPS ha da sempre puntato, hanno segnato una crescita dovuta al numero di utenti incrementatosi dell’11,7% (59.056).

Ultim’ora: le dichiarazioni di Pietro Iocca

In queste ore, Pietro Iocca, presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’INPS, organo che predispone le linee di indirizzo e gli obiettivi dell’Inps e ne approva il Bilancio sociale, ha reso noto che l’Istituto ha chiuso il 2014 con un rosso di 12,48 miliardi e che, se non ci saranno provvedimenti per migliorare la situazione, realizzerà perdite vicine ai 10 miliardi annui fino al 2025. Questo comporterà una maggiore difficoltà nell’erogare prestiti e nel gestire la previdenza sociale; staremo a vedere.
bonus sociale inps

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>