Published On: Mer, Feb 27th, 2019

Prevenzione rischio idrogeologico: 4 milioni di € in Liguria (nel Tigullio, 330.000 a Chiavari; 60.000 a Sestri)

Regione Liguria ha destinato quattro milioni e 300mila euro per oltre 30 interventi di difesa del suolo in tutto il territorio. La decisione arriva in concomitanza con l’importante richiamo fatto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il quale ha detto che non si può più andare avanti con emergenze, tra l’altro per questioni per nulla legate all’inclemenza del meteo. Infatti i recenti gravi danni nel centrosud sono stati causati da venti che soffiavano a 80-90 kmh. I 300 alberi crollati in questi giorni a Roma, sono crollati perché assassinati dall’ignoranza. Infatti gli alberi erano tutti compressi dall’asfalto e dal cemento, con conseguente marciume delle radici, che hanno bisogno di un minimo di terra per poter respirare, assorbire o cedere umidità..

Grazie a Regione Liguria e Autorità di bacino dell’Appennino settentrionale, che hanno sottoscritto un accordo con cui si dà il via al programma di interventi, parte di un piano triennale deciso dal Ministero dell’Ambiente, individuati sulla base delle priorità in materia di difesa del suolo e di manutenzione, da oggi possono partire gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria anche sul territorio del Levante genovese.

Nel Tigullio sono previste importanti opere nei Comuni di Chiavari (manutenzione del Fosso di Caperana e Fosso di Ri per un importo di 330mila euro) e di Sestri Levante (manutenzione arginature del torrente Gromolo per 60mila euro).
Riguardo Sestri Levante, sarebbe urgente realizzare gli argini mancanti in un punto particolarmente delicato, cioé nella curva del torrente Gromolo, all’altezza del campo sportivo Andersen (vedi immagine).

Soddisfazione per il lavoro portato avanti come consigliere regionale delegato al territorio, e per la collaborazione avuta con gli enti locali, in particolare col sindaco di Chiavari, è stata espressa da Vittorio Mazza, consigliere regionale Lega Nord.

L’area critica del Gromolo a Sestri