Published On: Gio, Apr 23rd, 2020

Primario del San Martino: epidemia in Liguria: 14% a Ponente, 3% a Levante, 10% a Genova

Il primario del reparto infettivo dell’ospedale San Martino di Genova, nel corso di un’intervista ha dato alcuni dati sull’incidenza delle infezioni da coronavirus in Liguria (positività e ospedalizzazioni). Nella Riviera di Levante possiamo dire che è andata bene. Dice Bassetti:

“Alcuni medici, come Michele Brignole nella zona del Tigullio, mi inviano spontaneamente i dati, dandomi la possibilità di avere un’idea piuttosto indicativa, anche se siamo in una fase ancora preliminare. Posso dire che 80-100 mila persone in Liguria hanno contratto il virus (sono quasi settemila i casi positivi accertati), che ha una incidenza a macchia di leopardo con una espansione più elevata a ponente (14 per cento) e pochissimi casi a Levante (3 per cento). A Genova siamo attorno al 10 per cento”.

Non siamo invece d’accordo con Bassetti quando si esprime sull’uso dei guanti. Fa lo stesso errore fatto da OMS e ISS italiano sulle mascherine (“Non servono“, dicevano, ma solo perché non siamo stati capaci né di produrle in tempi brevi né di procurarcele. A Taiwan già a gennaio 2020, oltre ad aver attivato una APP pazzesca (a telefono spento o immobile da due ore, dopo un quarto d’ora avevi polizia e ambulanze alla porta di casa…) le mascherine sono state prodotte e vendute a prezzo max di 50 centesimi, con arresto per gli speculatori. Sui guanti infatti Bassetti afferma:

“Serve fare chiarezza, leggo sui giornali che il problema che abbiamo avuto con le mascherine riguarda adesso i guanti. Non servono a nulla se si va in spiaggia, o se si porta a spasso il cane, come qualcuno ha detto in modo sbagliato. Possono servire al supermercato quando scegli la frutta o gli alimenti, servono a medici e infermieri, o a chi lavora dietro il banco alimentare nel momento in cui si maneggiano i cibi ma attenzione a dire alla gente dei guanti. Noi non abbiamo capacità produttiva per produrre milioni di guanti”.

…Praticamente Bassetti dice che servono per tutto (si dimentica per esempio il contatto col denaro), ma poi che NON LI ABBIAMO. Vero, ma
1) si possono comunque utilizzare e cercare e comunque si possono riutilizzare (lavandoli) i guanti per lavare i piatti, che ci sono, anche se sono meno comodi di quelli di lattice;
2) Invece di porre distinguo (è chiaro che per i bagni di mare non servono), bastava dire: Guanti? -all’esterno li si usi sempre, a scanso di equivoci
Ci stiamo riempiendo di balle cinesi: per esempio: “Ci vogliono le mascherine NASA galattiche…!”. Non è vero: il virus non si lancia a tuffo e in volo da una persona all’altra. Se ti arriva addosso, lo fa viaggiando su goccioline o microgoccioline. Gocce e anche singole molecole possono essere intercettate da una normale mascherina fatta in casa, meglio se “rinforzata” da una protezione anti mestruale, da cambiare e bollire (se di cotone) ogni giorno.

Ospedale san Martino, Genova