Published On: Ven, Ago 7th, 2015

Prime stime estive sull’andamento del mercato automobilistico

Siamo ormai giunti a metà 2015, periodo dell’anno che coincide con uffici chiusi e ombrelloni aperti. Ma per chi, invece, trascorre le proprie giornate ancora in ufficio, coincide con un periodo in cui si cominciano a fare le prime stime ed i primi confronti con l’anno precedente.
Nel nostro caso, non possiamo che osservare l’andamento del mercato automobilistico in Italia, tenendo presente i prezzi delle auto usate e le prime stime che ci giungono da gruppi automobilistici mondiali ed assicurazioni.

Il primo dato che salta all’occhio è quello che ci giunge da Fiat Chrysler Automobiles, che continua con i risultati positivi che accompagnano l’azienda italo-statunitense ormai fin dall’inizio dell’anno, consolidando così la serie positiva per il settimo mese consecutivo. I dati per il mese di luglio parlano chiaro: vendite aumentate del 19,3%, 131.489 auto immatricolate, il 14,54% in più rispetto a luglio 2014. E per quanto riguarda i trasferimenti di proprietà di auto usate, anche qui si registra un dato positivo rispetto all’anno scorso, con 406.614 veicoli registrati, un aumento dell’11,59% rispetto ad un anno fa. I dati sono stati resi noti per mezzo di un comunicato del Ministero dei Trasporti.

Se da un lato una crescita delle vendite rispetto all’anno precedente ci fa pensare, o forse meglio, sperare, ad una prima, timida ripresa economica, dall’altro lato l’aumento del trasferimento di veicoli usati testimonia ancora una preoccupazione ed una tendenza a risparmiare da parte dei cittadini, ancora troppo scettici riguardo alle sorti economiche del paese e deboli dal punto di vista monetario. Questa tendenza a risparmiare è evidente nel caso delle Assicurazioni Auto.
Assicurazioni che, seppur registrano un ulteriore calo dei prezzi, rimangono superiori rispetto alle medie europee. E per contrastare i continui rincari, gli automobilisti si vedono costretti ad effettuare passaggi assidui da una compagnia all’altra, alla ricerca di soluzioni sempre più convenienti che, alla stipula di un nuovo contratto, potrebbe raggiungere anche un 22% di risparmio. Per migliorare il servizio assicurativo e combattere un continuo aumento delle frodi si prevedono nuovi progetti tra i quali il miglioramento degli standard di sicurezza, rafforzare la qualità dei prodotti offerti e contenere i costi. Proposte che, speriamo, non rimangano solo parole al vento.
auto risparmio

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>