Published On: Lun, Mag 15th, 2017

Prosegue oggi “Mare e Mosto”: olio e vini liguri con degustazioni

Buon successo per la manifestazione Mare e Mosto a Sestri Levante: superati nella prima giornata i numeri della prima edizione dell’evento: oltre settanta sommelier e produttori hanno partecipato alla degustazione e presentazione dei vini e degli oli liguri. Oggi l’evento prosegue con gli incontri tra produttori e distributori.

Molte le famiglie con bambini, attratte dal servizio di baby parking presente all’interno. “Un successo in parte atteso, certamente sperato – dichiara il Presidente di sommelier AIS Liguria Alex Molinari- che però non si poteva dare per scontato e che ripaga dell’enorme impegno organizzativo che ha coinvolto l’Amministrazione e i sommelier di AIS. I volti dei produttori sorridenti e il tintinnare dei calici sono la miglior gratificazione possibile. Numeri e visibilità, per il comparto vitivinicolo e oleario regionale, restano l’obiettivo primario. Obiettivo che AIS persegue da sempre, nell’ottica della massima divulgazione e crescita del vino e dell’olio di Liguria”. Una crescita percepibile anche durante la tavola rotonda di apertura, dove alcuni dei curatori e direttori delle maggiori guide italiane hanno affrontato il tema della comunicazione del vino attraverso questi media. Un dato per tutti: i vini liguri premiati crescono, segno che la qualità dei prodotti regionali migliora progressivamente, nonostante, come sottolineato dai relatori, l’asticella di selezione si stia progressivamente alzando. Una nuova struttura coperta ha ospitato nell’area esterna una parte degli espositori, creando ulteriori spazi e alleggerendo i banchi all’interno della sala principale. Una soluzione apprezzata, che ha permesso di snellire l’accesso alle degustazioni e garantire una gestione dei flussi di pubblico. Anche la dislocazione delle aree food, distribuite in prossimità delle terrazze sui due lati dell’Annunziata ha funzionato: apprezzate le diverse ricette tradizionali proposte, che hanno saputo offrire una panoramica esaustiva sulla gastronomia ligure più tipica.

Rispetto all’olio “L’annata scorsa non è stata molto proficua per l’olio extravergine di oliva, con riduzione della produzione del 70% – ha spiegato Francesco Bruzzo, ex presidente del consorzio Dop Riviera Ligure.
Finora -invece- la fioritura degli ulivi in Riviera sembra essere notevolmente ricca. Tutto dipenderà, dal caldo e dalle piogge estive e del primo autunno, oltre che dalla presenza del parassita della mosca olearia.