Published On: gio, Dic 6th, 2018

PUC di Chiavari, il punto di vista della giunta Di Capua

Dopo la polemica uscita dal consiglio comunale delle opposizioni, ecco il punto di vista della maggioranza, espresso dal seguente Comunicato:

Le novità che questa Amministrazione ha ritenuto di portare al PUC riguardano l’area di Preli, l’area della Colmata e l’Edilizia Sociale.

Per quanto riguarda Preli viene inserito un Distretto di trasformazione che comprende le aree di proprietà del Torriglia (escludendo quella per l’ampliamento del ricovero degli anziani, dove rimane valido il progetto a suo tempo approvato), che comprende: il tennis, il cantierino e il campeggio; e Comunale: l’impianto di depurazione.

Il progetto di trasformazione ha come obiettivo la riqualificazione delle aree nel complesso, conferendo all’insieme il carattere di una porzione urbana qualificata sotto il profilo paesaggistico architettonico e ambientale, con attenzione alle dimensioni volumetriche e al rapporto tra spazi costruiti e superfici aperte e verdi, con la distinzione tra accessibilità veicolare e accessibilità pedonale e ciclabile. In modo tale da liberare del tutto l’affaccio al mare della servitù di transito veicolare.

Quest’ultimo verrà realizzato con un raccordo alle spalle dell’edificato in prossimità della ferrovia, in modo da servire le aree retrostanti che possono essere adibite anche alla ricollocazione dei parcheggi, eventualmente da ricavarsi in struttura, liberando le superfici pubbliche del fronte mare.

Inoltre è previsto il mantenimento dei campi da tennis per quanto riorganizzati all’interno dell’area.  Le funzioni obbligatorie da prevedersi, per una superficie massima edificabile di mq. 5200 , per un’ altezza massima di 3 piani fuori terra, sono:

– turistico-ricettiva;
– servizi riabilitativi, socio-sanitari e per lo sport, sia pubblici sia privati convenzionati;
– commerciali riferita esclusivamente agli esercizi di vicinato è pubblici esercizi.

Mentre non è ammesso l’uso residenziale ed è stata eliminata la possibilità di applicare il piano casa sull’ex cantierino Victor che con il PUC di Lavaggi consentiva il cambio di destinazione d’uso residenziale con ampliamento in una delle aree più pregiate del nostro territorio.
Inoltre, l’area a verde adibita a parco sarà il 50% della superficie fondiaria.

Per l’area della Colmata viene completamente eliminato quanto previsto dall’Amministrazione Levaggi: incubatore d’impresa e abitazioni private che costituivano volumi importanti e impattanti per complessivi 14.800 mq..

Si è invece prevista la configurazione di un ambito scolastico comprensivo di asilo, scuola d’infanzia, scuola primaria secondaria di primo grado per complessivamente circa 1000 alunni, con relativi spazi connessi per complessivi mq. 8000 di superficie utile. L’occasione è di dottare l’area di nuovi spazi coperti e scoperti appositamente progettati a misura di bambino e connotati di alti standard ambientali, dati dalla localizzazione costiera, pedonale, dedicata completate di aree verdi pertinenziali e aree ludiche e sportive dedicate.

Accanto a questa funzione principale e connotate, l’area nel complesso, unitamente alla parte riconducibile all’area costiera del Lido, ha l’obiettivo di diventare un’area qualificata per il tempo libero, lo sport all’aperto, comprensiva di dotazione sportive e spazi dedicati al loisir.

Come attività complementari risultano appropriate quindi, oltre al permanere di attività di servizio e ai nuovi servizi, spazi pubblici da impiegarsi per lo svolgimento di attività sportive, per sedi di enti e associazioni sportive, spazi per pubblici esercizi, ristoranti e locali di pubblico spettacolo per circa mq.2500 di superficie agibile; inseriti in un contesto verde e connessi attraverso le strade ciclopedonali del lungomare, dove qui troverà collocazione a perimetro a margine della passeggiata a mare opportunamente arredata, sopra al nuovo depuratore di vallata.

Inoltre è previsto mantenimento dei parcheggi pubblici circa 650 che risulteranno prevalentemente coperti da un solettone.
Edilizia Sociale, la Regione aveva bocciato quanto previsto dall’Amministrazione Levaggi in via Pio X anche a causa del vincolo cimiteriale.
Questo comportava che gli oneri derivati da operazioni edilizie, per la quota parte da destinare alla realizzazione di l’Edilizia Sociale venivano convogliati alla Regione.

Con l’individuazione dell’area in via Ghio, ove si trova il plesso della Asl 4, l’Istituto d’Arte e il grande parcheggio di interscambio e quindi in una zona già urbanizzata.

Per l’intervento previsto in via Pianello si ristabilisce la possibilità mantenere sul nostro territorio le risorse economiche e realizzare l’Edilizia Sociale.

Il PUC approvato rispetta le linee guida della nostra amministrazione, che sono state oggetto di campagna elettorale:

  • nessun intervento di edilizia residenziale nella zona Preli-Torriglia;
  • nessun intervento di edilizia residenziale nell’area di Colmata;
  • nessun depuratore al Lido;

realizzazione delle difese mare gratuitamente in colmata dove verrà interrato il nuovo depuratore di Vallata.
Le lamentele, anche un po’ sopra le righe di alcuni esponenti della minoranza, sul presunto ritardo dell’approvazione del PUC le lasciamo all’ex Sindaco che in 5 anni non è riuscito a completare l’iter amministrativo e non ha avuto la capacità di approvarlo. Di cosa si duole?

Progetto per aree Preli, poi in parte modificato